“Rimettere al centro della propria esistenza i valori della condivisione e della solidarietà. L’esempio arriva dai volontari della Caritas Diocesana che, anche nei giorni delle celebrazioni pasquali, non faranno mancare il proprio supporto umano e materiale ai fratelli che stanno attraversando un periodo particolarmente difficile del proprio percorso di vita. La mensa dell’Help Center (Stazione Centrale) resterà aperta a pranzo per la Santa Pasqua, giorno 1 aprile, subito dopo la Santa Messa che si terrà alle ore 12, e anche per il lunedì dell’Angelo, giorno 2 aprile. Non si fermerà anche il servizio dell’Unità di Strada che quotidianamente consegna un centinaio di pasti caldi ai senzatetto della Città.

Per rendere più speciale questa occasione di festa, i volontari della Caritas distribuiranno, in occasione dei pranzi di domenica e lunedì, delle colombe pasquali che sono state donate all’organismo pastorale da diversi benefattori. Determinante anche il ruolo rivestito dal corpo di polizia locale e dalle Forze dell’Ordine, che destinano alle mense della Caritas Diocesana le merci sequestrate nel corso della loro attività di monitoraggio e controllo del territorio”, spiega Don Piero Galvano, direttore della Caritas Diocesana, ed esprime i suoi auguri pasquali: “Dobbiamo, come Gesù, fare la nostra Pasqua, passare dalla morte alla vita: dal disinteresse verso Dio e i suoi Comandamenti al rimetterLo al centro e a fondamento della nostra esistenza; dall’egoismo all’amore e alla donazione della vita per gli altri; dall’indifferenza verso i poveri alla loro accoglienza e condivisione. Che cosa ci costa impegnare alcune ore della settimana a servizio dei più poveri? Sprechiamo tanto tempo in cose inutili e senza valore: i poveri ci accoglieranno nel Regno dei Cieli”.