Alcuni film dove il gioco d’azzardo rappresenta il tema principale o lo sfondo del film, a pensarci viene in mente Ocean’s Twelve con George Clooney e Brad Pitt, danno l’idea che le slot machine abbiano una sorta di combinazione che prima o poi fa vincere un jackpot. Nel film citato proprio il biondo attore losangelino fa una precisa combinazione di movimenti e poi lascia lì una monetina, quando arriva il fortunato di turno inserisce la moneta, tira la leva e fa jackpot nella totale incredulità.

Talmente sofisticato e criptico è il codice per far scattare la macchina che sembra quasi possibile ciò possa avvenire. Ma la questione è: lo è davvero? Esiste davvero una tattica vincente per guadagnare con le slot?

Tecniche vincenti per vincere alle slot: la verità sul mito

La verità è che emulare Brad Pitt è assolutamente impossibile, non è previsto alcun modo per hackerare, forzare, trovare il codice delle slot machine, sia analogiche che digitali. Ogni volta si è al 100% in mano alla sorte.

Non esiste nemmeno una differenza tra le slot analogiche e quelle digitali, in entrambi i casi non c’è calcolo che regga. A differenza di altri giochi come ad esempio la roulette dove una nutrita componente di giocatori esperti ritiene sia utile tenere traccia delle combinazioni che escono man mano (per rifarsi al calcolo delle probabilità), nel caso delle slot non esiste alcun rapporto tra un tiro e un altro, ogni volta le probabilità sono sempre le stesse e non rispondono ad alcuna logica.

Capire le combinazioni vincenti delle slot è impossibile

Provare a spiegare perché un gioco basato sulla combinazione di rulli e simboli non segua nessuna traccia è abbastanza semplice: i giochi autorizzati da ADM (Agenzia Dogane e Monopoli, ex AAMS) devono garantire equità e aleatorietà delle vincite, in ogni momento ogni giocatore deve avere medesime possibilità di vittoria, ergo vince solo il più fortunato.

RNG, Random Number Generator

Questo sistema che ogni volta assicura una combinazione del tutto nuovo e senza influenze statistiche è il cosiddetto RNG, Random Number Generator, il generatore di numeri casuali messo a punto dall’organo regolatore. Questo algoritmo indecifrabile e completamente randomico associa ad ogni simbolo un numero ed ogni volta restituisce un risultato ex-novo. Va inoltre specificato che finora non è mai stata rintracciata una falla in questo sistema di sicurezza, ripetiamolo, gestito dall’Agenzia Dogane e Monopoli.

Come scegliere una slot vincente

Ma quindi la scelta di una slot può dipendere solo dal nostro gusto, dal tema che presenta e dalle suo funzionalità? No, o meglio, la scelta può dipendere anche da quello ma esistono dei fattori che, se volessimo fare una scelta davvero oculata, varrebbe la pena considerare.

RTP, Retourn to player

Principale fattore da considera è quello dell’indice RTP, il ritorno del giocatore ovvero quanto restituisce in vincite una certa slot su un certo importo giocato. Si tratta di una stima mensile, attendibile poiché si tratta di un parametro da rispettare per legge, ma non ci si può trarre un vantaggio dal punto di vista statistico.

Supponiamo di poter monitorare per un mese intero una slot che assicura un RTP dell’80%, significa che per ogni 10 euro giocati ne verranno restituiti 8 in forma di vincite, ma non è possibile concludere a chi saranno dati e soprattutto quando. Possiamo solo dire in teoria che sia più vantaggioso giocare ad una slot che ritorna l’80% del giocato rispetto ad una ferma al 75%.

Considerare la volatilità

La volatilità è un parametro prezioso che alcuni fornitori di giochi online comprendono nelle rispettive sezioni dedicate alle slot machine. Innanzitutto, che cos’è la volatilità? È un unità di misura che indica la frequenza di vincita per tipologia di slot, dove però ad una maggior frequenza delle vincite corrisponde un minor valore e viceversa.

A questo punto sta a noi decidere se preferiamo intrattenerci con un gioco che ci restituisca dei risultati positivi frequentemente ma di basso importo, o rischiare la sorte con cifre più alte ma più difficili da conquistare.

Scegliere le videolottery

Questo è l’unico punto dove non possono esserci dubbi: meglio giocare alle videolottery che alle vecchie slot machine. Se sull’online le due tipologie di slot non sono così diverse, nelle macchine della rete fisica passa una sostanziale differenza: le VLT pagano molto di più.

Cominciamo col dire che le vecchie slot (newslot, comma 7, AWP) sono apparecchi con una scheda di gioco individuale e indipendente, le VLT invece fanno tutte capo a un sistema centralizzato ne governa il meccanismo.

Ma il vero motivo per il quale scegliere le videolottery sono i nuovi indici RTP scelti dal governo che per le vecchie slot sono al 68%, per le VLT all’84%. In pratica su 10 euro le videolottery pagano quasi 2 euro in più. Si tratta di una strategia di discredito delle vecchie apparecchiature slot che stanno per uscire fuori dal mercato. Già nel 2018 è stata portata a termine la prima scrematura del 34% delle slot su tutto il territorio nazionale, ora l’obiettivo è la rottamazione totale entro il 2021, per questo il governo già da adesso sta cercando di far migrare i giocatori da un apparecchio all’altro incentivando quindi lo smaltimento delle vecchie macchine.