cannabis_controcopertina
Nel 2017 cade il centenario della fondazione del Lions service. L’occasione ha spinto due club di Catania ad organizzare un convegno sugli Aspetti sanitari e legali dell’uso della Cannabis, in collaborazione con l’associazione Bis-Ter, rappresentata da Giuseppe Brancatelli, e con il movimento politico dei Radicali, rappresentato da Rita Bernardini (l’ex parlamentare si fermerà in Sicilia per alcuni giorni per visitare le strutture carcerarie). “Il Lions service è stato fondato nel 1917 da un gruppo di magnati americani, con la finalità di salvaguardare la salute dei bambini in special modo la vista. Una delle prime applicazioni terapeutiche della cannabis riguarda la cura del glaucoma”, spiega Filippo Ferlito presidente del club Vallis Viridis.
Sugli aspetti legali è intervenuto il procuratore aggiunto Michelangelo Patanè. Nel parterre anche l’onorevole del Pd Giuseppe Berretta e la deputata regionale del Movimento 5 Stelle Angela Foti.
Il convegno, ospitato presso un’aula dell’ospedale Garibaldi Centro, ha dato voce ai dirigenti medici delle aziende di Catania. L’effetto degli interventi è un canto unisono: “La Cannabis in Medicina è una preziosissima fonte di principi attivi. Il decreto ministeriale autorizza sul territorio nazionale la coltivazione di piante di cannabis per le preparazioni magistrali. La canapa è la droga più consumata in tutto il mondo. Riteniamo allora che la legalizzazione senza limiti della cannabis comporterebbe un problema simile al consumo di alcol. Il consumo senza limiti di alcol è un problema sociale in crescita, lo stesso probabilmente si verificherebbe con un uso indiscriminato della canapa indiana, che comunque in Medicina è, lo ripetiamo, una preziosa fonte di principi attivi terapeutici”.

 

giuseppe-berretta

angela-foti