Riceviamo e pubblichiamo

Oggi è possibile investire in efficienza migliorando di molto la nostra qualità di vita, risparmiando in bolletta e rientrando di buona parte delle spese sostenute:

Con la legge di Bilancio 2018 sono stati confermati e prorogati gli incentivi per l’efficientamento energetico delle singole unità e delle parti comuni dei condomini. Per la casa infatti sono stati prorogati per tutto il 2018 le detrazioni fiscali del 50% a sostegno dei lavori di ristrutturazione. E’ invece del 65% la detrazione per i lavori di efficientamento energetico e del 50% la detrazione prevista per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici. È importante sapere che il Sismabonus, unito all’Ecobonus, permette di far salire la detrazione al 70% nel caso in cui gli interventi permettano la riduzione del rischio di una classe di livello. Si arriva all’80% se il salto di classe riguarda due livelli. Per i condomini invece, la scadenza per incentivo del 70 e 75% per la riqualificazione di parti comuni degli edifici condominiali è stata fissata per il 2021. Stessa data per il Sismabonus che prevede con una detrazione del 50%, in grado di arrivare al 75% nel caso della riduzione del rischio di una classe, all’85% con due livelli di riduzione.

“Sono oltre 20 milioni gli italiani – spiega Katiuscia Eroe, responsabile energia di Legambiente – che vivono in condomini poco efficienti dal punto di vista energetico, veri e propri complessi energivori che sprecano moltissima energia termica per riscaldare le abitazioni. Per questo abbiamo pensato ad una campagna ad hoc, CIVICO 5.0, proprio per rendere consapevoli le famiglie del loro peso energetico e delle opportunità legate agli incentivi, previsti per i prossimi quattro anni, per migliorare la qualità della vita, e allo stesso tempo sensibilizzare amministratori e progettisti rilanciando una nuova idea di condominio più ecosostenibile, solidale e aperto alla condivisione. Per questa ragione il 17 aprile lanceremo anche la giornata dei Condomini Aperti, una giornata di festa in tutta la Penisola con tanti eventi per ricordare che i condomini devono essere dei luoghi di socialità”.