Questa sera avremo un motivo in più per stare all’aperto. Oltre al caldo soffocante, infatti, sarà possibile ammirare una parziale eclissi di luna, l’ultima che potremo vedere dall’Italia. Per la prossima bisognerà aspettare il 27 luglio del 2018, quando però avremo una eclissi totale.

«La vedremo sorgere piena e bellissima – spiega l’astrofisico Gianluca Masi, responsabile del Virtual Telescope – con il suo disco già intaccato da un ‘morso’ di ombra della Terra, perché il fenomeno sarà già in corso. Sarà quindi molto suggestiva».

L’ eclissi si potrà osservare al sorgere del nostro satellite, quindi alle 20:12 pochi minuti prima della fase massima della parzialità prevista alle 20:20.

«È uno di quei fenomeni – aggiunge Masi – che si presta all’osservazione ad occhio nudo o con un binocolo, non occorre necessariamente una strumentazione. E si presta molto bene anche ad essere fotografato».

La Luna sarà comunque molto bassa e per osservare l’eclissi occorrerà trovarsi in un posto dove l’orizzonte non è ostruito da monti, case, copertura boscosa o altri ostacoli. In Italia si vedrà meglio al Sud, in particolare in Sicilia orientale, Calabria e Salento. Il fenomeno si vedrà molto bene anche in Asia e in Africa orientale, invisibile invece in America, dove sarà ancora giorno.

Le eclissi si verificano di solito nel momento in cui la Luna è piena, con l’allineamento di Sole, Terra e della stessa Luna (in questo ordine). Si tratta di un fenomeno ottico durante il quale l’ombra della Terra oscura del tutto o parzialmente la Luna.

Tra qualche giorno sarà la volta delle stelle cadenti della notte di San Lorenzo. Ma l’evento più importante di questo agosto nel cielo sarà il prossimo 21 con un’eclissi totale di sole che lascerà al buio gli Stati Uniti ma non interesserà l’Italia.