Spett.li redazioni,

A seguito della mia dnuncia (VEDI) è con immenso piacere che vi comunico di essere stato raggiunto telefonicamente da uno dei proprietari dei terreni recintati.
Come al solito, le risposte e le soluzioni le trovano i cittadini e non l’amministrazione, che su temi così importanti continua a fare orecchie da mercante.
Dopo anni di battaglie personali, contro il mare negato e per la sua libera fruizione, un cittadino sensibile e generoso, si è reso disponibile a farsi espropriare o addirittura a donare al prezzo simbolico di 1 euro alcune strisce di terra della larghezza di 2 metri così da garantire a tutti l’accesso al mare in via Torre Bianca. L’unica richiesta del proprietario è l’acquisizione, da parte del comune di Messina, delle porzioni donate, così da perdere la responsabilità civile e penale di eventuali incidenti che possono verificarsi nella sua proprietà.
Oltre, ad esprimere soddisfazione per il risultato raggiunto, mi auspico che altri seguano questo esempio virtuoso mostrando anch’essi il dovuto senso civico e che permettano nuovamente il libero accesso al mare.
Al contempo, mi auguro che questa amministrazione possa agevolare quanto proposto e incoraggiare gli altri proprietari con azioni concrete. Non resta altro che urlare: Viva il mare, viva la legalità
Infinitamente grazie
Giuseppe Sanò