Celebrata stamattina in una gremita Basilica Cattedrale a Messina la festa di S. Barbara patrona dei Marinai, degli Artiglieri e dei Vigili del Fuoco.
Il Sacro Rito è stato officiato da S.E. Reverendissimo Mons. Giovanni Accolla, Arcivescovo Metropolita dell’Arcidiocesi di Messina, Lipari e Santa Lucia del Mela che ha ricordato come la conversione alla fede cristiana di Barbara provocò l’ira di suo padre Dioscoro che la decapitò con una spada. infine, lo stesso Dioscoro fu colpito però da un fulmine. La tradizione invoca Barbara contro i fulmini, il fuoco e la morte improvvisa.

I suoi resti si trovano nella cattedrale di Rieti. Ringraziamenti a tutti i presenti, alle associazioni combattentistiche, al Coro della Guardia di Finanza che ha animato la liturgia sono stati espressi da Don Andrea Di Paola, sacerdote della Marina Militare.

Recitate le preghiere del soldato, del marinaio e del vigile del fuoco. Consegnata all’inizio della Celebrazione eucaristica un quadro della Martire e portate in processione delle reliquie della Santa.  Presente, tra gli altri, l’Associazione Nazionale dei Cavalieri dell’Ordine al Merito della Repubblica italiana con il presidente Cav. Pietro Bongiovanni ed i soci Cav. Silvana Paratore,  Cav. Carmelo Di Vincenzo, Cav. Michele Tedesco  e Cav. Giacobbe Salvatore