Da Giovanni Pino riceviamo:

Breve storia triste:

03_n1) Verso la fine del 2014, alcuni abitanti della via Peschiera chiedono abbattimento di alberi “pericolanti” della “pineta di Pompei” perché metterebbero a rischio alcune loro abitazioni;

26_n2) La forestale, a seguito di sopralluogo, emette determina individuando il numero degli alberi a rischio e le modalità per effettuare l’intervento di messa in sicurezza;

3) Viene predisposta una pista di accesso, che dalla sommità di via Peschiera si inoltra nella pineta, per consentire a mezzi e uomini di effettuare gli interventi;

4) Nel frattempo la predetta pista diventa “pista d’emergenza” (?)

41_n5) Alcuni residenti della Via Peschiera realizzano spazi per parcheggiare le proprie auto sotto quegli alberi per i quali avevano chiesto la messa in sicurezza;

6) A distanza di tre anni nessuno di quegli alberi, individuato dalla forestale, è stato sottoposto ad interventi;

49_n7) Durante la realizzazione della pista sono state danneggiate le radici di uno dei pini, la cui chioma presenta evidenti segni di essiccamento. I rami, alle prime forti sciroccate, potrebbero cadere sulla quella “pista d’emergenza”…

Qui, non occorrono telecamere da installare e finalizzate ad emettere sanzioni contro gli incivili, basterebbe andare sul posto…