Un ricco programma per il primo giorno messinese della IV edizione di SabirFest, cultura e cittadinanza mediterranea, che si svolgerà da giovedì 5 sino all’8 ottobre a Messina a Catania e quest’anno – il 6 e il 7 ottobre – anche a Reggio Calabria.
Si comincia alle 11, col primo dei tanti appuntamenti in collaborazione con l’Ateneo peloritano: il Dicam, all’Annunziata, accoglierà lo scrittore siriano Khaled Khalifa che dialogherà col professore Lorenzo Casini su “Scrivere sulle rovine: la Siria nei romanzi di Khaled Khalifa” mentre nel pomeriggio, alle 16:30, nell’aula “Buccisano” del Dipartimento Scienze politiche e giuridiche (Piazza XX settembre n. 1) , incontro su “I diritti delle donne nel Mediterraneo tra conquiste e resistenze” con Renè Aburub, Pasquale Beneduce, Mariella Crisafulli, Debora Del Pistoia, Mariangela Monaca e Daniela Novarese introduce Elisabetta Reale. L’evento è dedicato alla professoressa Maria Antonella Cocchiara, a seguire in collaborazione con AME – Associazione musicale etnea, “Balafon Cabaret”, intervento musicale con Carlo Condarelli e Piergiorgio Pappalardo letture a cura delle attrici di ActorGym.

Alle 17 al Monte di Pietà al via la sezione SabirMaydan con l’incontro, in collaborazione con DiCAM (UniMe), “L’altro nelle tradizioni e nelle pratiche religiose” con Michelle Moubarak, Monsignor Mogavero, Farid Adly, Vedran Obucina e Riccardo Cristiano, alle 18.30 invece approfondimento su “Pensare l’ospitalità” con la professoressa Caterina Resta. La sezione SabirMaydan continua alle 18.30, al Circolo Arci Thomas Sankara, in via Campo delle Vettovaglie, con l’incontro “Città come frontiere e criminalizzazione della solidarietà nel Mediterraneo” con Eva Marn, Valeria Calandra, Charles Heller, Giovanna Vaccaro, Stratis Vogiatzis, Carmen Cordaro, Lidia Lo Schiavo, Andrea Nucita, Gianluca Solera e Patrizia Maiorana coordina Giovanni Raffaele.

Al Monte di Pietà, alle 19:30 Caterina Pastura dialogherà con Alessandro Vanuli a partire dal volume “Quando guidavano le stelle. Viaggio sentimentale nel Mediterraneo” (Il Mulino ed.).

Per la programmazione alla Chiesa di San Tommaso il Vecchio invece alle 17:30 per le visioni (s)cortesi in collaborazione con Cospecs (UniMe) e Festival Corto di sera: “Narranti migranti: ribaltare gli stereotipi” con Antonia Cava, Gaetano Di Lorenzo, Francesco Torre, Sebiano Chillemi e Donatella Manganaro a seguire, le proiezioni: Chi fa Otello di David Fratini (4’); Il potere dell’oro rosso di Davide Minnella (19’); Chiara Zyz. Un fiore nel cuore di Palermo di Gaetano Di Lorenzo (15’). Alle 19 presentazione del volume “Incognita Libia, cronache di un paese sospeso” (Franco Angeli ed.), di Michela Mercuri che dialogherà con Farid Adly. A seguire in collaborazione con Adyan Foundation, Michelle Moubarak presenta il film “Controcorrente” (44’).

Alle 16 al via il programma per i più piccoli alla Galleria Vittorio Emanuele che proporrà un laboratorio di Filosofia coi bambini con Roberta Giusto e Giovanna Martines. Mentre alle 18, palazzo Mariani, accoglierà, in collaborazione con Naxoslegge, a cura di Fulvia Toscano, la presentazione di tre volumi: “Il borgo delle storie” (A&B ed.); “Itinerari siciliani sulle tracce di Tomasi di Lampedusa” (Historica) e “Il Gattopardo raccontato a mia figlia” (La Nuova Frontiera), in un dialogo a più voci con Cristina Marra, Lina Maria Ugolini, Clelia Lombardo, Antonietta Ferraloro, Filippo Grasso, Dora Marchese, Mauro Cappotto e Fulvia Toscano. A seguire l’inaugurazione della mostra, a cura della casa editrice Mesogea, “Al di là di sé. Le Opere di Vicenzo Dazzi per i bambini di Gaza” con Farid Adly e Gianluca Solera.

La giornata si conclude al Monte di Pietà, tra note e parole: alle 21, in collaborazione con AME, lo spettacolo musicale “Nimba”, Musiche dell’Africa Occidentale, direzione e arrangiamenti di Carlo Condarelli, una produzione AME e YouCultures. Alle 21.30, primo appuntamento della sezione (s)cortesie plateali in collaborazione con Rete Latitudini e Teatro Clan Off, in scena “Doppio Legame”, di Maria Piera Regoli e Salvatore Zinna, anche interprete, con la regia di Federico Magnano San Lio, della compagnia catanese Retablo, alle 23 la Galleria Vittorio Emanuele, ultimo appuntamento della giornata con un assaggio del Barbonaggio teatrale dell’artista pugliese Ippolito Chiarello che proporrà “Fanculopensier’off” di e con Ippolito Chiarello produzione Nasca Teatri di Terra.