Settori 1 e 2 riaperti dalle ore 20:30
L’unità di crisi della Sac (Società aeroportuale catanese),  riunita stasera alle ore 19.00, ha deciso di riaprire dalle ore 20:30 i settori 1 e 2 dello spazio aero a seguito della comunicazione dell’Ingv che informa che “l’emissione di cenere nell’atmosfera da parte del vulcano Etna si è conclusa alle ore 18:47”.
Alle ore 13:00 di oggi la Sac comunicava: “essendo ancora intensa l’emissione di cenere nell’atmosfera da parte dell’Etna, permangono chiusi i settori 1 e 2 dello spazio aereo, ma comunque non si ferma l’operatività dello scalo. L’unità di crisi si riunirà ancora alle ore 19.00 [di oggi, nda.] per valutare gli aggiornamenti del caso”.
L’Ingv di Catania (Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia) spiega così il un nuovo episodio eruttivo al Nuovo Cratere di Sud-Est dell’Etna, il decimo dell’anno 2013: “diversamente dagli episodi precedenti ha prodotto solo intermittenti (non sostenute) fontane di lava, una quantità minore di materiale piroclastico di ricaduta, e sono attive soltanto bocche eruttive all’interno del cratere stesso. L’attività è iniziata nel pomeriggio del 8 aprile 2013, con esplosioni che hanno emesso cenere; tale attività si è protratta fino al pomeriggio del 10 aprile, quando è passata ad esplosioni stromboliane. Nel corso del 11 aprile, questa attività è gradualmente aumentata, per diventare quasi continua in serata, con forti esplosioni e boati ed emissione di due piccole colate di lava dall’orlo sud-orientale del cratere e dalla zona della “sella” fra i due coni del Cratere di Sud-Est”.