Il Ministero della Salute, allo scopo di bloccare le attività sanitarie non autorizzate, rende nota l’indagine dei Carabinieri svolta oggi a Latina:

“I Carabinieri del NAS di Latina, a conclusione di una complessa attività investigativa sullo svolgimento di professione medica abusiva in struttura non autorizzata, hanno dato esecuzione ad un decreto di perquisizione domiciliare della locale Procura della Repubblica presso una struttura immobiliare della provincia pontina. Nel corso delle operazioni i militari hanno scoperto che l’abitazione di proprietà di un odontotecnico sessantenne, era stata da questi abusivamente adibita a laboratorio medico-dentistico con due sale attrezzate con cosiddetti riuniti, dispositivi, attrezzature e farmaci funzionali all’esecuzione di interventi sanitari ortodontici. L’abitazione e le sale odontoiatriche, del valore di circa 200 mila euro, sono state sottoposte a sequestro probatorio da parte dei militari che hanno denunciato l’odontotecnico all’Autorità Giudiziaria per esercizio abusivo della professione medica”.