Alcuni lo conoscono come il monastero di Santa Maria della Valle, altri della Scala.
Per tutti, però, è la Badiazza, che quest’anno, per la nona edizione de I luoghi del Cuore del FAI (Fondo Ambiente Italiano) concorre per aggiudicarsi il primo premio.

L’iniziativa è stata presentata oggi in conferenza stampa nei locali dell’assessorato all’Arredo Urbano di Palazzo Zanca alla presenza dell’assessore all’Arredo Urbano Massimiliano Minutoli, e alla Cultura, Roberto Vincenzo Trimarchi e degli assessori Dafne Musolino e Giuseppe Scattareggia.

Obiettivo dell’iniziativa è quello di promuovere il territorio e le sue perle nascoste, per troppo tempo lasciate nell’incuria e nell’anonimato, non solo in Italia e nel mondo ma anche tra gli stessi messinesi.

Grazie alla somma, in caso di vittoria, sarebbe possibile attivare lavori di valorizzazione, dai quali tutto il territorio trarrebbe profitto.

E dunque arriva l’invito — alla presenza del presidente dell’Associazione Centro Educazione Ambientale (CEA) Messina onlus Francesco Cancellieri, di Filippo Grasso, esperto per il turismo, di Domenico Interdonato, presidente regionale dell’UCSI (Unione Cattolica Stampa Italiana), dell’architetto Nino Principato, di Rosario Lo Faro, direttore Filo Diretto News, di Pippo Previti, presidente dell’associazione Antonello da Messina e di Guido Graffeo, consigliere dei Lions Peloro Messina — per i concittadini (e non) di votare la Badiazza nella rassegna I luoghi del cuore.

Per Votare