In occasione della Domenica di Pasqua, si è svolta a Messina l’antica festa degli Spampanati, organizzata per iniziativa della Confraternita S.M. della Mercede, in origine S. Valentino, la processione dei simulacri, che partendo dalla piccola chiesetta di via Tommaso Cannizzaro attraversa varie vie del centro di Messina, è denominata appunto “Festa degli Spampanati” perché si narra che, anticamente, vi partecipassero leggiadre fanciulle delle zone limitrofe che, smessi gli abiti invernali, indossavano vestiti in seta floreali, dai colori assai variopinti, dal gusto poco elegante, definito, dai tanti, “pacchiano”. Da qui la denominazione. Apparivano così, agli occhi dei tanti fedeli di quella tradizionale festa di quartiere, le “spampanate” giunte dalla città o dai vari casali.

Si narra inoltre che la storia di questa processione nella chiesetta della Mercede, nell’odierna via Tommaso Cannizzaro (appena fuori l’antica cinta muraria, lungo l’argine destro del torrente Portalegni, così, denominato per via dell’antico “Jus lignandi” che qui esercitava la Curia Arcivescovile), nasca in tempi assai remoti, se si pensa che, già, nel 1644, Placido Samperi ne descriveva, con particolari citazioni, alcuni momenti in quella sua “Iconologia della Gloriosa Vergine Maria”: “Si vede parimenti nella cappella sfondata dalla parte destra una bellissima statua della Madonna della Mercè, la quale si porta in solenne processione dalla Confraternita, da qualche tempo in qua già riconciliata, nella mattina della Pasca di Resurrettione, facendosi il trionfale incontro col Signore Risuscitato, a suon di trombe e di musiche, col festivo rimbombo d’Archibugi, di mortaretti e di Artegliarie nell’ampio piano del Duomo”.

La storia vuole che i simulacri della Madonna SS. della Mercede e di Gesù Cristo risorto giungessero, un tempo, da un’altra chiesa più a monte, situata nella borgata di Gravitelli e che, solo in un secondo momento, a causa di un nubifragio, i fedeli furono costretti a collocarli a riparo nella vicina chiesetta di S. Valentino dove vi rimasero e dove, ogni anno da quel momento, la Confraternita di San Valentino avrebbe allestito l’evento per la popolazione di quel quartiere. La chiesa non subì danni durante il terremoto del 1908, anzi, i confrati del tempo ne organizzarono la processione l’anno successivo, nonostante, le strade, ancora, ingombre di rovine.
Il corteo accompagnava i due simulacri del Cristo risorto, che issava uno stendardo rosso crociato, insieme alla statua della Madonna, ricca di ori ed avvolta da un manto ricamato in oro.
Un imponente rullo di tamburo annunciava il loro passaggio e, al seguito, un festante corteo di fedeli in gran raccolta. Una volta giunti a piazza Duomo si poteva assistere al momento, sicuramente, più toccante ed emozionante di tutto il tragitto: al suono delle campane della Cattedrale, agli spari dei mortaretti, seguiti dal suono della banda musicale, dal manto della Madonna, rivolta verso il Figlio risorto, venivano liberati stormi di passeri, in segno di festosa liberazione.