L’intensa e costante attività di controllo dl territorio ha portato la Polizia di Stato a trarre in arresto sei individui in soli due giorni.

E’ di sabato scorso l’arresto per tentata estorsione e lesioni aggravate di due marocchini, madre e figlio, ai danni di una 30enne loro connazionale.

GHAZI Hnia

GHAZI Hnia

CHAFIK Mohamed

CHAFIK Mohamed

Si tratta di GHAZI Hnia e CHAFIK Mohamed, rispettivamente di 57 e 29 anni.
L’attività congiunta dei poliziotti dell’U.P.G.S.P. e del Commissariato Messina-Nord ha posto fine ad una lunga serie di aggressioni e minacce ai danni della giovane donna che, all’arrivo dei poliziotti e, nonostante la loro presenza, veniva ripetutamente spintonata sebbene in compagnia dei due figli di tenera età.

Traumi al volto, escoriazioni ed ematomi in varie parti del corpo, con prognosi di 20 giorni, i segni della violenza.

Come riferito dalla vittima l’episodio è solo l’ultimo di una serie di minacce ed aggressioni a lei ed al marito.

Una violenza volta a farla desistere dal vendere la propria merce, regolarmente autorizzata, in una zona dove prepotentemente gli autori del fatto rivendicavano l’esclusiva.
Da ciò un’escalation di azioni aggressive che grazie ai poliziotti si è conclusa sabato mattina con l’arresto dei due nordafricani condotti preso la casa circondariale Messina Gazzi e messi a disposizione dell’A.G.

E’ di ieri mattina, invece, l’intervento delle Volanti, sul viale Giostra, nell’area dell’ex Mandalari, a seguito di una segnalazione di persona accoltellata.

Giunti sul posto viene subito individuata la vittima di nazionalità tunisina, dalla quale si apprende che a seguito di una lite per futili motivi un suo connazionale lo aveva colpito al petto con un coltello procurandogli un ferita, successivamente giudicata guaribile in gg. 10.

Ben Amir Anis

Ben Amir Anis

Gli immediati accertamenti esperiti permettono di risalire all’identità dell’aggressore rintracciato poco dopo nei pressi del luogo ove è sua abitudine dimorare.
Si tratta di Ben Amir Anis tunisino di 36 anni, che annovera a suo carico numerosi precedenti per droga e reati contro la persona e la giustizia.
Il trentaseienne è stato arresto per lesioni personali aggravate, e su disposizione dell’A.G. è stato trattenuto presso le camere di sicurezza in attesa di essere giudicato stamani con rito direttissimo.

Ed ancora nel pomeriggio di domenica, i poliziotti arrestano in flagranza di reato due minorenni di 15 e 16 anni e Bruno Luigi, messinese di 19 anni, già arrestato dalla Polizia perché coinvolto nella rissa del 21 maggio scorso. I reati a loro contestato tentata rapina pluriaggravata e lesioni personali aggravate in concorso ai danni di un cittadino extracomunitario.
In particolare gli agenti, a seguito di segnalazione per rissa a bordo di un autobus di linea ATM, intervenivano in località Paradiso, dove apprendevano dall’autista del mezzo che un cittadino straniero era stato aggredito da cinque ragazzi, due dei quali datisi alla fuga all’arrivo dei poliziotti, tre invece ancora sul bus, che venivano immediatamente fermati.

La vittima, un venditore ambulante di 38 anni, confermava di essere stato aggredito, con pugni e calci, da cinque giovani, il cui intento era quello di impossessarsi della merce da lui venduta.
Presentando una vistosa ferita sanguinante al volto veniva condotto presso il pronto soccorso del Policlinico dove gli veniva refertata la frattura delle ossa del naso e trauma bozza frontale guaribile in giorni 30.

 Bruno Luigi

Bruno Luigi

Inaudita violenza al tentativo di opporsi della povera vittima.
Gli autori identificati ed arrestati venivano condotti rispettivamente i due minori presso il C.P.A del Viale Europa, Bruno Luigi presso la casa circondariale di Messina Gazzi a disposizione dell’A.G.

Sempre nel weekend la Polizia di Stato ha effettuato il controllo di 133 veicoli, ha identificato oltre 200 persone e verificato la regolarità della sottoposizione ad obblighi (arresti domiciliari, detenzione domiciliare, sorveglianza speciale) di una ventina di persone circa.