D. G. – 42 anni di Adrano (Catania) – è accusato “di aver ucciso, con crudeltà, tre anziane persone malate, con l’aggravante di aver agevolato il clan di Biancavilla Mazzaglia-Toscano-Tomasello e il clan di Adrano Santangelo”.
La ricostruzione dell’Accusa è terrificante stante che gli omicidi sarebbero stati commessi da D. G. “durante il trasporto con ambulanza privata, dall’Ospedale (in prevalenza di Biancavilla) alla loro abitazione, iniettando aria nelle vene delle vittime. Al momento della consegna della salma, ai familiari veniva riferito che il decesso era avvenuto per cause naturali nel corso del trasporto. Attraverso tale condotta gli ambulanzieri incrementavano il loro guadagno, svolgendo altresì il servizio di trasporto e di vestizione dei defunti e percependo un importo di circa 200-300 euro”.
In questa fase, il personale sanitario non risulta coinvolto, ma la Procura di Catania rende noto che “le indagini proseguono per chiarire i contorni di ulteriori vicende del medesimo tenore”.