9, 27 e 30 ottobre  all’Università di Messina il dibattito con docenti, studenti ed esperti sulle opportunità di costituzione e sui possibili scenari di una “Macroregione Mediterranea Centro-Occidentale”

 

Nell’ambito degli incontri didattici di “Economia Internazionale” e di “Politica Economica e Finanza Internazionale” (LM-56), tenuti dal prof. Bruno Sergio Sergi, si organizza un ciclo di Seminari, che propone – per la prima volta, in ambito accademico – un articolato dibattito sull’opportunità della costituzione di una Macroregione Mediterranea Centro-Occidentale (MMCO). Avvalendosi di un approccio multidisciplinare, i Seminari offriranno a studenti, studiosi e addetti ai lavori nuovi ed originali punti di vista su una Regione – quella Mediterranea – che storicamente ha costituito il crocevia di diverse culture, e su un tema – quello delle Macroregioni – che appaiono già al centro di forti interessi nell’attuale dibattito politico europeo.

Il 9 Ottobre, dopo il saluto delle Autorità accademiche e l’apertura dei lavori del Prof. Bruno Sergi, il Prof. Giuseppe Campione, già ordinario di Geografia Politica ed Economica, già Presidente della Regione Siciliana, socio onorario dell’Accademia relazionerà su “Noi e il Mediterraneo: una lunga difficile storia. Riflessioni introduttive”. Seguirà il Prof. Cosimo Inferrera, già ordinario di Anatomia Istologia Patologica e Citodiagnostica, socio emerito dell’Accademia sul tema: “Principi e motivazioni per l’istituzione della MMCO. Proposta di un Intergruppo Parlamentare bipartisan. Obiettivi”.

Il 27 Ottobre si accenderanno i riflettori sul tema cruciale del nuovo assetto di centralità strategica del Mediterraneo. “La Geopolitica della MMCO” sarà illustrata dalle relazioni del Dr. Tiberio Graziani, Chairman of Vision and Global Trends – Roma e del Dr. Filippo Romeo, Vision and Global Trends – Roma.

Il 30 Ottobre il Seminario ribadirà la necessità e l’urgenza di un dibattito <aperto> con gli Uffici e le Istituzioni preposte alla complessa tematica dei trasporti, in funzione della particolare orografia del territorio provinciale e del suo porsi nell’Area dello Stretto, terzo <polo> nel Mediterraneo dopo Suez e Istanbul. Il Prof. Enzo Siviero, Rettore dell’Università Telematica eCampus e il Dr. Ing. Giovanni Saccà, Responsabile Settore Studi Trasporti Ferroviari del Collegio Amministrativo Ferroviario Italiano (C.A.F.I.), Preside Collegio Ingegneri Ferroviari Italiani (CIFI) Sezione di Verona relazioneranno su: “Le problematiche relative alla connettività Italia Meridionale – Nord Africa”.

L’UE sta sperimentando dal 2009 una simile strategia per la Regione del Mar Baltico e dal 2011 per la Regione del Danubio. Il 18 Ottobre 2013 48 Regioni e province autonome si sono riunite per far nascere “La Macroregione Alpina” EUSALP che comprende Piemonte, Val d’Aosta, Lombardia, Liguria,Veneto, Friuli Venezia Giulia, Trento e Bolzano, Franche-Compé, Rhone-Alpes, Provence-Alpes Cote d’Azur, Baden Wurttemberg, Baviera ed altre meno note. Nel dicembre 2012, il Consiglio Europeo ha dato mandato alla Commissione Europea di avviare una consultazione degli stakeholders territoriali in merito ad una “Strategia Europea per la Regione Adriatico-Ionica” (EUSAIR).

 

Gli incontri seminariali si svolgeranno presso l’Accademia Peloritana dei Pericolanti