giornata europea cultura ebraica 2017

L’UCEI – Unione delle Comunità Ebraiche Italiane – ha scelto la Sicilia quale “luogo centrale delle iniziative della Giornata Europea della Cultura Ebraica di quest’anno, e Palermo quale città dove inaugurare la manifestazione”.
“Abbiamo scelto il Meridione – spiega Noemi Di Segni, Presidente dell’UCEI – dove comunità ebraiche risiedevano da tempi molto antichi, dove esistevano una gran quantità di importanti centri di vita ebraica e di studio, e da dove furono espulsi sul finire del XV secolo, a causa degli editti dei regnanti spagnoli Isabella di Castiglia e Ferdinando d’Aragona, i cui domini comprendevano buona parte del sud Italia”.
Quest’anno la Giornata Europea sarà dedicata all’approfondimento del tema “Diaspora: Identità e dialogo”. Una riflessione che per Noemi Di Segni andrebbe riproposta “ogni volta leggiamo notizie allarmanti relative al pregiudizio e al razzismo, anche nei confronti dei migranti che con occhi pieni di speranza approdano sulle nostre coste. Con quali terribili difficoltà attraversano mari e deserti? Cosa trasmettiamo loro, del nostro lungo vissuto? E come si pongono le nostre Istituzioni, nazionali ed europee, di fronte a questa immensa sfida? Siamo di fronte a un fenomeno epocale, che ci costringe a confrontarci con il rispetto per l’Altro, con l’importanza di imparare la convivenza nella diversità. Anche una manifestazione come la Giornata, allora, può fare la sua parte. Perché siamo convinti che la diffusione della cultura sia il principale strumento per contrastare il periodico riemergere di antiche violenze e di nuovi estremismi. Nell’idea che la società contemporanea non possa fare a meno della pluralità delle sue voci e delle sue culture, provenienti da tanti luoghi diversi”.