Il Castello Schisò si affaccia sulla baia di Giardini Naxos.

“Dopo l’asta che lo ha messo in vendita, la Regione Siciliana dovrebbe attivare la giusta e sacrosanta prelazione all’acquisto”, dichiara Gianfranco Zanna presidente di Legambiente Sicilia.

La storia del sito: il Castello è stato costruito a cavallo del XIII e XIV secolo. Edificato nella forma attuale su uno sperone roccioso formato da una colata lavica di età preistorica, il nome Schisò deriva dalla parola araba Al Qusus, che significa seno o torace e identifica le due formazioni vulcaniche sulle quali poggiano le fondamenta, formazioni visibili sul prospetto anteriore. È attualmente disabitato e versa in stato di abbandono. Si mira a un graduale recupero dell’edificio storico; è stato inserito nel parco archeologico di Naxos.