In questo caso la risposta non è nelle parole di una canzone, ma nelle foto di Astrid Kirchherr fotografa tedesca che immortalò il gruppo ancora lontano dalla notorietà nel periodo dei cosiddetti “Hamburg days”, età della giovinezza e delle formazione musicale.

Beatles a Palazzo Fava BolognaBeatles a Tenerife70 foto prevalentemente in bianco e nero che sono esposte nello splendido Palazzo Fava a Bologna fino al 9 ottobre. Astrid Kirchherr nel 1960 è una studentessa universitaria che coltiva la passione per la fotografia facendo l’assistente per l’importante fotografo Reinhard Wolf,; incontra i Beatles al Kiserkeller un locale sulla Reeperbahn dove si suonava il rock’n’roll, musica innovativa richiesta dai militari americani presenti nella città e che il gruppo inglese sperimentava e affinava verso la pop music.

J.L. ritratto con ombraSono anni di precarietà economica e di grande entusiasmo per i cinque ragazzi di Liverpool, i Beatles nella formazione con Pete Best alla batteria e Stuart Sutcliffe al basso; viaggiano a bordo di un minivan e trovano alloggi di fortuna tra un’esibizione e l’altra. Suonano ogni notte, inanellano oltre 280 concerti per sbarcare il lunario, fatica che getta che le basi di quello che di lì a pochi anni sarà un successo mondiale.

JL doppia esposizioneLa kirchherr forgia esteticamente i Beatles, la sua influenza si nota nel taglio dei capelli “a caschetto”, nell’abbigliamento, i completi scuri, ormai lontano dal vistoso stile americano-texano. Li ritrae in penombra, approfondisce gli sguardi. Attraverso una doppia esposizione ritrae John Lennon, un effetto davvero speciale.

Segue la loro storia di giovani musicisti a cui sarà legata da sentimenti forti e li ritrae anche in momenti di svago, durante le vacanze a Tenerife.

servizio fotografico in studioLe foto della Kirchherr offrono un rendiconto storico interessante, alcune offrono un racconto più articolato di altre. In generale una mostra completa ed interessante che approfondisce un periodo, quasi intimo, della vita dei non ancora “Fab four” e dà anche la possibilità, nella sezione “Mit the Beatles” di accedere all’area delle dediche per lasciare un messaggio ad Astrid Kircherr e ai Beatles, scattare un selfie ed entrare in una delle foto dei Beatles, apprezzare la notevole collezione di vinili d’epoca di Alberto Dosi.