Per il prossimo appuntamento con la stagione teatrale organizzata dal Teatro dei Naviganti, i Magazzini del Sale ospiteranno sabato 3 e domenica 4 marzo alle ore 21,  lo spettacolo FOLLOWER di Pietro Dattola Premio Internazionale Flaiano under 30, Premio Oddone Cappellino, Premio Europeo di drammaturgia, Premio speciale CTAS under 35, Premio Matilde di Canossa-La Corte Ospitale.

FOLLOWER è Progetto vincitore della RESIDENZA TEATRO STUDIO UNO 2016-17

Cosa Accadrebbe se, tramite un’app, potessi essere seguito nella vita reale, anziché semplicemente sullo schermo?
Se un tuo follower potesse realmente seguirti per tutta la giornata, restando invisibile e anonimo, e osservarti mentre prepari la colazione, vai al lavoro o incontri degli amici?

Nina è ancorata a una storia con Pietro che non le appartiene più. Farebbe di tutto per riaverla indietro. Perché un rapporto funzioni, occorre mantenere le giuste distanze. Quelle tra Pietro e Nina sono ormai abissali e ci sono casi in cui, se vieni bloccato nella vita reale, è per sempre.

Ma ora c’è un’app, Follower, con cui Nina crede di poterle accorciare. Non appena si convincerà che il suo follower potrebbe essere Pietro, Nina farà di tutto per rivederlo ancora una volta.

La linea d’indagine sviluppata in Follower è duplice. quali motivi personali o quali dinamiche sociali potrebbero spingerci a decidere di seguire o di farci seguire? Se sapessimo di trovarci sotto lo sguardo altrui, il nostro comportamento sarebbe lo stesso di sempre? Chi ci conosce, ci riconoscerebbe? Quanto, da seguiti, ci trasformeremmo in “inseguitori” del consenso altrui? Fino a pochi anni fa bisognava apparire per essere qualcuno. Oggi bisogna farsi osservare semplicemente per essere. Oggi viviamo se, e finché, siamo osservati.

Dall’altra, il cuore battente di Follower è il tema del distacco. Staccarsi, accettare l’addio, la solitudine, l’indifferenza altrui, è un rischio. Se da un lato – tra i mille usi, più o meno leciti, accennati nell’opera – l’app si propone principalmente come moderno surrogato di un rapporto reale, dall’altra offre la possibilità di rievocare una presenza ormai impossibile, rischiando di ostacolare l’elaborazione del dolore, la crescita della persona, in nome di una consolazione nel migliore dei casi illusoria. Piccolo bene, grande male.
L’ambito semantico della parola “seguire” (follow, appunto) viene allora esplorato in tutte le sue accezioni. Seguire una persona in senso fisico ma anche metaforico; come sinonimo di dipendere da e come contrario di lasciar andare.

Lo spettacolo è scritto e diretto da Pietro Dattola ed interpretato da Flavia G. de Lipsis; gli elementi di scena sono di Alessandro Marrone. Produzione DoveComeQuando / Festival Inventaria.