“Neofascismi di Claudio Vercelli è un libro molto importante che fa una doppia operazione molto interessante: considerare il neofascismo un fenomeno serio, radicato e non transitorio di questo nostro tempo e connetterlo al fenomeno populista e sovranista, leggendolo come il linguaggio egemone di questo nostro tempo”, commenta lo storico David Bidussa per Moked-Il portale dell’ebraismo italiano.
Neofascismi di Claudio Vercelli, Edizioni del Capricorno Anno 2018 (188 pagine, in commercio dal 8 novembre 2018). La scheda del libro:
Il fascismo non si è esaurito con la fine del ventennio mussoliniano: da settant’anni, la storia dell’estrema destra si accompagna a quella della Repubblica italiana «nata dalla Resistenza». Per più aspetti, anzi, ne è una sorta di reciproco inverso, che nega nella maniera più violenta la legittimità politica delle istituzioni democratiche, denunciate come una perversione dell’ordine naturale delle cose. Questo libro è dunque un viaggio: dalla RSI a CasaPound. I presupposti ideologici, i riferimenti culturali, gli autori e i rappresentanti politici, i protagonisti dell’eversione, i movimenti, la nebulosa di sigle e riviste: per la prima volta, l’analisi puntuale, spietata e informata di un’area di pensiero e d’azione sfaccettata e complessa. Un’ombra nera che ha attraversato tutto il dopoguerra. Fino alla destra radicale di oggi. Fino alla sua aggressiva ambizione di rappresentare il territorio sociale dell’esclusione, indicandogli cause di disagio immediatamente condivisibili: immigrazione, «poteri forti», furto del lavoro, complotti. Perché è necessario capire che la forza del radicalismo di destra è direttamente proporzionale alla crisi della democrazia sociale. Più indietreggia la seconda, maggiori sono gli spazi per il primo. Così è stato in passato, così sarà per i tempi a venire. Un libro per approfondire, analizzare, comprendere. Uno strumento per trovare le risposte alla tragica complessità del nostro presente.