Chiusura d’anno con un gran finale per il progetto “Opera al Centro” curato da Giuseppe La Motta.
Nei saloni espositivi del Teatro Vittorio Emanuele, venerdì 22 dicembre 2017, è stata inaugurata la mostra del maestro Ranieri Wanderlingh, sicuramente tra gli artisti messinesi più noti in Italia e all’estero.

Il titolo dell’esposizione “Romantico Pop” rinvia alle due concettualità pittoriche che Wanderlingh utilizza come origine ed evoluzione del suo messaggio artistico. Il Pop, così come si è strutturato storicamente, coglie la realtà da un punto di vista sociale e “consumistico”: strade, case, ma anche supermercati o prodotti commerciali, come le famosissime zuppe in scatola Campbell di Warhol. Il Romanticismo che si immerge nel mondo dell’ “interiorità e dell’immaginazione”, attivando meccanismi di introspezione e di percezione della realtà attraverso molteplici filtri emozionali. Wanderlingh ha “un certo modo statunitense di fare arte” che rinvia alla “traccia formale” pop che viene però coinvolta e stravolta dal suo approccio visionario ed onirico.
Nascono così i quadri che propongono figure di donne (Colazione sull’erba, Raccoglitrice, Morositas, etc.), animali (Felix, Sacarabeo), persino ortaggi: “Peperone digitale”. Per citarne solo alcuni.

L’esposizione, che ha già riscosso notevole successo di pubblico, sarà visitabile tutti i giorni, escluso il lunedì, dalle ore 10 alle 13 e dalle ore 16,30 alle 19, fino al 21 gennaio 2018.

Abbiamo approfittato dell’occasione per chiedere al curatore delle mostre, Giuseppe La Motta, un bilancio di “Opera al Centro”. “Sicuramente positivo – ci ha risposto- ed in continua evoluzione; la prima esposizione è iniziata a settembre con il decano dei pittori messinesi, Filippo Minolfi, per passare poi alla realtà artistica più giovane dell’edizione 2017-2018, Adriano Bertazzoni. Abbiamo presentato la collettiva di Angela Andaloro, Giusy Giorgianni e Maria Teresa Giunta, le opere di Mimma Oteri, di Demetrio Scopelliti, di Giovanni Allio, di Pasquale Morabito ed ora di Ranieri Wanderlingh. Esposizioni che hanno riscontrato l’interesse ed il gradimento del pubblico messinese e che sono state meta di moltissimi crocieristi”. Per il 2018 sono già in programma le mostre di Concetta De Pasquale e dei “Quattro di Dubai: Allio, Arena, De Pasquale e Lanese”, ma è l’ampliamento dell’offerta artistica di “Opera al Centro” che offrirà le maggiori sorprese. “Allargheremo lo sguardo al mondo della fotografia, per offrire al pubblico mostre sempre più interessanti e innovative”.

Per le sale espositive del Teatro Vittorio Emanuele si prepara un 2018 ricco di eventi.