Gli studenti devono apprendere dai docenti oppure sono i docenti ad avere meno conoscenze dei loro allievi? Ormai l’allievo supera il maestro, ancor prima di averlo come maestro.

Mi è capitato di leggere alcune domande del test d’ammissione alle facoltà di medicina.
medicina-2Poi per curiosità, alcune di quelle domande le ho sottoposte ad alcuni amici professori di medicina e ad un paio di medici che da 25/30 anni svolgono egregiamente il loro lavoro. Nessuno di loro è riuscito a rispondere correttamente alle mie domande e senza alcun limite di tempo, intendo dire a nessuna delle domande dei test di ammissione. Qualcuno mi ha detto che se ci fossero stati questi test ai suoi tempi non avrebbe fatto il medico. Il 6 settembre 2016 si terranno i test di ammissione alle facoltà di medicina, 60 risposte in 100 minuti, una ogni poco più di un minuto e mezzo. Ah dimenticavo, alcune delle domande a risposte multiple, fatte ad alcuni medici che da anni curano e salvano vite umane sono domande di logica, di matematica, di cultura generale, di biologia, di chimica e di fisica.
Mi chiedo però se ad un malato di cancro, interessi che il suo oncologo sappia quanti sono i canti della Divina Commedia, se a scrivere ” Infinito” sia stato Leopardi o Pascoli, oppure se ad una paziente con problemi di tiroide, interessi che il suo endocrinologo, conosca La Traviata, il Cucciolo o i Promessi Sposi, oppure se sappia calcolare la derivata di 4sen (5/2 . ×) in meno di un minuto e mezzo, , o se un chirurgo sappia cosa siano ”le radiose giornate” del maggio 2015, in quale regione scorre il fiume Secchia, se la funzione y =logx esiste e tante altre nozioni che ad un medico non servono a nulla. Però questi test servono a quelle scuole che per alcune migliaia di euro “preparano” centinaia di giovani appena diplomati.

Mi chiedo se Veronesi, … avrebbero superato i test di ammissione in Medicina e se non lo avessero fatto, la medicina italiana ne avrebbe avuto giovamento o avrebbe perso dei grandi luminari? Quante sono le vite salvate da questi ”ignoranti” che non avrebbero superato i famosi test? Ma nello stesso tempo, mi chiedo come fa un docente universitario che nel 90% dei casi, non riuscirebbe a superare un qualsiasi test di ammissione, per non parlare di quei professori bravi solo nel ”copiaeincolla’,’ ad insegnare, ad un giovane che ha superato il test? Ma se un giovane supera il test rispondendo anche alle domande di biologia, di chimica e di fisica, perché dovrebbe sostenere di nuovo gli stessi esami una seconda volta?

Oggi siamo nell’era dei test, ma a scuola non insegnano nulla, in Europa sin dalle scuole elementare preparano i bambini ai test, facendo fare i test IQ (quoziente intellettivo) test che i docenti riescono a superare, perché non è possibile chiedere agli studenti qualcosa che gli stessi docenti non sanno fare. Inoltre mi chiedo come può una semplice diplomata, con tutto il rispetto per i diplomati che non intendono proseguire gli studi, fare il Ministro della Salute se non ha superato alcun test, non dico per laurearsi, ma neanche per iscriversi all’università? Queste domande, forse, dovrebbero essere inserite nelle domande di logica di questi famosi test.