Consesso nutrito quello che oggi, venerdì 5 aprile, presso l’Aula Magna del Dipartimento di Economia, è intervenuto in occasione del convegno “Salute, Sport e Alimentazione”, congiuntamente organizzato dall’Università di Messina, dall’Associazione ALuMnime e dall’UsAcli (Unione Sportiva ACLI), per festeggiare la Giornata Internazionale dello Sport e la Giornata Mondiale della Salute, rispettivamente celebrate il 6 e 7 aprile.

Inaugurata stamattina alla presenza del Prefetto di Messina dott.ssa Maria Carmela Librizzi e del Rettore dell’Università degli Studi peloritana prof. Salvatore Cuzzocrea la mostra di uniformi e cimeli storici sul tema “Dalla grande Guerra alle missioni di pace”.

La parola alla senatrice Maria Domenica Castellone, Commissione Igiene e Sanità Senato e al Professore Luca Mencaglia, presidente Fondazione PMA;
il Piano del governo non convince gli scienziati del comitato Energia per l’Italia: poche innovazioni sui trasporti e nessun riferimento alla carbon tax

Che il nostro ambiente naturale sia ormai alterato, nel senso più negativo del termine, è sotto gli occhi di tutti. Un’alterazione antropica che produce effetti negativi per la salute degli esseri umani, degli animali e delle piante. Gli effetti non vanno considerati soltanto a livello locale ma anche a un livello più globale, che coinvolge gruppi di paesi, o addirittura l’intero pianeta.

«L’Europa non si può definire — ha esordito il prof. Cacciari — non ha confini naturali, come la Cina o la Russia., l’Europa è Spirito. L’Europa è un’idea che ci deve guidare»

Lancette avanti nella notte tra sabato 30 e domenica 31. Scocca l’ora legale, che nell’ultimo fine settimana di marzo ci farà dormire 60 minuti in meno. Come da convenzione, l’orario verrà spostato in avanti di un’ora, passando direttamente dalle 2:00 alle 3:00 e resterà in vigore fino al 27 ottobre prossimo, quando, cioè, le lancette dell’orologio torneranno indietro di un’ora.

Il Presidente dell’ANSO, Giovannelli: «L’Associazione Nazionale Stampa Online raccoglie il percorso indicato dal Governo. Le testate digitali non sono figlie di “un dio minore” ma rappresentano i territori»

Anche in Basilicata il dato che conferma un trend che si è verificato in tutte le recenti elezioni regionali è dato dall’affluenza alle urne di poco superiore al 50%.

La raccolta differenziata sbarca all’Università di Messina. Il progetto “UniMe Differenzia”, patrocinato dall’Ateneo e dal Comune di Messina, nell’ambito del protocollo d’intesa con Messina Servizi Bene Comune, è stato presentato in conferenza stampa oggi, lunedì 25 marzo, nella Sala Senato del Rettorato di Piazza Pugliatti. Presenti il Rettore, prof. Salvatore Cuzzocrea, il Direttore generale, prof. Francesco Bonanno, l’Assessore all’Ambiente del Comune di Messina Dafne Musolino e l’Arch. Giuseppe Lombardo, Presidente Messina Servizi Bene Comune.

Raccolta firme da parte dell’associazione Luca Coscioni per la proposta di legge di iniziativa popolare per la legalizzazione dell’eutanasia e il pieno riconoscimento del testamento biologico.
Per la raccolta di firme a Messina oggi un tavolo sotto i portici di Piazza Castronovo

“Sotto il costo: un percorso da ConsumAttori” è un’esperienza per far vivere ai ragazzi in prima persona lo sfruttamento che c’è dietro a prodotti che utilizziamo ogni giorno

La trasmissione di oggi di “Ambiente …. In salotto” non poteva che avere per tema la Giornata mondiale per l’acqua.

I militari della Guardia di Finanza di Ancona, coordinati dalla locale A.G., all’esito di un’attività̀ nel campo della lotta alla contraffazione, hanno sequestrato in diverse Regioni (Marche, Emilia Romagna, Puglia, Campania, Sicilia, Lazio, Toscana, Lombardia, Trentino-Alto Adige, Veneto), giubbotti, jeans, pantaloni, felpe, maglioni, t-shirt, cappelli, zaini, trolley, skateboard ed altro, recanti marchio contraffatto dei noti brand del settore dello streetwear, SUPREME e THRASHER, per un valore complessivo di circa 10.000.000 di euro.

In occasione delle XXVII Giornate FAI di Primavera, per la giornata odierna è stata indetta nel Foyer del Teatro Vittorio Emanuele di Messina una conferenza stampa tesa a illustrare l’evento di sensibilizzazione al panorama culturale nazionale che dal 1993 appassiona 11 milioni di italiani.

Negli ultimi giorni era trapelata la notizia che il comune di Messina intendesse patrocinare l’evento: è di oggi la smentita di De Luca, che per “mero errore materiale” avrebbe frettolosamente sottoscritto un documento senza aver contezza del contenuto.

rilanciamo l’illuminante trasmissione odierna con l’intervento dello stesso Brambilla che non è riuscito (questa è la nostra impressione) a superare le obiezioni e le documentazioni di molti giornalisti, ricercatori, economisti ed esperti.
Cambiare subito si può, cambiare si deve !