Facebook: non si possono pubblicare foto dei propri figli senza il consenso dell’altro genitore
Il Tribunale di Mantova, adito ai sensi dell’art. 337 quinquies da un padre che chiedeva la modifica delle condizioni regolanti il rapporto genitori/figli sulla base di affermati comportamenti diseducativi della madre, rilevato che quest’ultima si era espressamente impegnata nei precedenti accordi recepiti Read more..

Beni da proteggere, necessari per le ricerche storiche e per il valore educativo che rivestono. Sono gli archivi dei giornali disponibili online che la Corte europea dei diritti dell’uomo protegge dalle ingiustificate richieste di rimozione.
Con la sentenza depositata il 19 ottobre (ricorso n. 71233/13, CASE OF FUCHSMANN v. GERMANY), Strasburgo ha stabilito l’importanza degli archivi Read more..

Il Gip del tribunale di Palermo Nicola Aiello ha respinto la richiesta di archiviazione presentata dalla Procura per le aggressioni ai giornalisti, avvenute nel corso della kermesse “Italia a 5 Stelle”, organizzata nel settembre dell’anno scorso dal Movimento di Beppe Grillo nel capoluogo siciliano.
Il giudice ha accolto l’opposizione presentata, per conto dell’Ordine dei giornalisti, dall’avvocato Read more..

Nella classifica annuale di Reporters sans Frontieres, l’organizzazione per la libertà dell’informazione, l’Italia risulta essere al 52esimo posto. Un passo in avanti molto significativo considerato il 77esimo dello scorso anno. L’Italia, quindi, ha guadagnato ben 25 posizioni. Il miglioramento, spiega RsF, è legato in particolare “all’assoluzione di diversi giornalisti, tra cui i due che sono Read more..

Pubblichiamo, con enorme piacere, la lettera che il Comune di Falcone ha inviato al proprio  legale per il procedimento contro il giornalista Antonio Mazzeo con la quale si comunica che lo stesso Comune ha deciso di non costituirsi “parte civile” contro il giornalista condividendo quanto da lui affermato.

La storia ha dell’assurdo:
Antonio Mazzeo il 7 aprile Read more..

Il tribunale di Reggio Calabria riconosce l’esistenza di “querele temerarie”.
L’ex presidente della Regione Calabria, Giuseppe Scopelliti, condannato al pagamento di 21.387 euro a favore dei giornalisti Lucio Maria Musolino e Paolo Pollichieni.
“Finalmente anche la magistratura comincia a riconoscere in modo esplicito l’esistenza di “querele temerarie” utilizzate per colpire il diritto di cronaca. Lo ha fatto Read more..

Una delegazione della Fnsi incontrerà il ministro della Giustizia Orlando per aprire il confronto sui tanti, delicati, temi che riguardano la professione giornalistica stretta spesso nella duplice morsa delle minacce della criminalità e delle querele temerarie.
È emerso nel convegno organizzato a Catania dall’Associazione siciliana della Stampa su “Il dovere-diritto di cronaca tra minacce, intimidazioni, pericoli Read more..

Milena Gabanelli: “Era la mia ultima puntata, come ho annunciato, lascio il programma, lascio Report. Però restano tutti i magnifici montatori, la redazione e soprattutto loro, la grande squadra, che è la vera anima del programma. Li conoscete tutti… A Sigfrido Ranucci passerò il testimone. Per quel che mi riguarda, resterò nei paraggi… ma sono Read more..

Il gup di Palermo ha rinviato a giudizio i collaboratori del settimanale “L’Espresso” Piero Messina e Maurizio Zoppi, autori dell’articolo sulla presunta intercettazione tra il governatore siciliano Rosario Crocetta e il suo medico Matteo Tutino.
Il gup di Palermo ha rinviato a giudizio i collaboratori del settimanale “L’Espresso” Piero Messina e Maurizio Zoppi, autori dell’articolo sulla Read more..

Dal 10 ottobre entrerà in vigore il nuovo codice per i giornalisti, non sarà più possibile fotografare o filmare onorevoli che giocano o che dormono …
” i cittadini non potranno sapere più se i deputati giocano a Packman, guardano le partire di calcio o si rifanno gli occhi su qualche sito porno”
Una comunicazione ufficiale della Read more..

Speriamo che a nessuno venga in mente di dire “se la sono cercata!”

L’aggressione in diretta subita dalla cronista di Agorà,Rai3, Sara Mariani e dal suo cameramen minacciati a Roma Nel quartiere di Tor Bella Monaca, che si occupano di infiltrazioni mafiose a Roma, non è una vicenda isolata. Tanti sono i giornalisti costretti a vivere Read more..

Incertezza, poche risorse e scarsa attenzione da parte delle istituzioni.
E’ questo, in estrema sintesi, l’orizzonte in cui si muove il giornalismo digitale in Italia e che renderebbe quindi l’informazione on line sostanzialmente ‘’non libera’’.
E’ pieno di ombre e criticità il quadro che emerge dalle considerazioni espresse dalle testate che hanno partecipato al sondaggio
realizzato da ‘’Giornalismi’’ Read more..

Facebook si oppone al giudice e rifiuta di oscurare le minacce alla giornalista Benedetta Salsi !
Di fronte al decreto del giudice che l’8 marzo ha disposto l’oscuramento di due pagine di stampo islamista per i reati di minacce aggravate e diffamazione, il colosso di Mark Zuckerberg, senza alcuna motivazione, ha deciso di respingere la decisione Read more..

Egregio sig. Sindaco,
Le scrivo questa missiva per invitarLa ad intervenire pubblicamente, nella sua qualità di primo cittadino, sulle tristi vicende che hanno colpito di recente alcuni esponenti dell’informazione cittadina e in generale la categoria della stampa!
Avrei o potrei farlo anch’io da semplice consigliere comunale (rappresentando anch’io una piccola fetta di cittadini messinesi) e, ad ogni Read more..

Si può fare informazione a Messina? La divergenza d’opinione può portare all’aggressione gratuita? Non è una questione politica… ma a volte c’è chi interpreta in malo modo il non essere allineato.
Qui gli “accorintiani” non c’entrano NULLA. Non è una questione politica.
Essere aggrediti per motivi di opinione è come è come esserlo per motivi di razza… Read more..

Si è svolta nella mattinata odierna presso la Prefettura una riunione tecnica di coordinamento interforze presieduta dal Prefetto dott. Stefano Trotta, con la partecipazione dei responsabili delle Forze di Polizia.
Alla riunione sono stati invitati anche l’editore di Tempostretto e le giornaliste Gisella Cicciò e Rosaria Brancato in relazione ad un articolo di stampa pubblicato sul Read more..