Messina. I “ragazzi” della 5 A Telecomunicazioni, diplomatisi nel 1979 presso l’Istituto Tecnico Industriale “Guglielmo Marconi”, si ritrovano per festeggiare i 40 anni dal diploma, ma la loro Scuola non c’è più.

La raccolta differenziata sbarca all’Università di Messina. Il progetto “UniMe Differenzia”, patrocinato dall’Ateneo e dal Comune di Messina, nell’ambito del protocollo d’intesa con Messina Servizi Bene Comune, è stato presentato in conferenza stampa oggi, lunedì 25 marzo, nella Sala Senato del Rettorato di Piazza Pugliatti. Presenti il Rettore, prof. Salvatore Cuzzocrea, il Direttore generale, prof. Francesco Bonanno, l’Assessore all’Ambiente del Comune di Messina Dafne Musolino e l’Arch. Giuseppe Lombardo, Presidente Messina Servizi Bene Comune.

Raccolta firme da parte dell’associazione Luca Coscioni per la proposta di legge di iniziativa popolare per la legalizzazione dell’eutanasia e il pieno riconoscimento del testamento biologico.
Per la raccolta di firme a Messina oggi un tavolo sotto i portici di Piazza Castronovo

A descrivere il portico di ingresso a tre Arcate, i ballatoi in un tour tra i vari piani del Teatro la studentessa Carlotta del Liceo Scientifico Seguendo. Attenzione tra i presenti per il soffitto interno decorato da Renato Gattuso che rappresenta la leggenda di Colapesce.

Inciampare in questo manufatto è facilissimo, come estremamente gravi potrebbero essere le conseguenze di una caduta, stante le macchine parcheggiate ed i vasi in muratura …

In vista del black out che – a causa dell’intervento di sostituzione di una cabina elettrica da parte dell’ENEL – dalle 7 alle 15 di domani (domenica 24) riguarderà il Policlinico “G. Martino” di Messina, è stato montato oggi il presidio emergenziale di Pronto Soccorso che funzionerà all’interno del complesso ospedaliero.

Aveva collegato quattro cavi abusivi alla linea della rete elettrica della pubblica via, danneggiandone il materiale isolante. Il protagonista della vicenda, un messinese di 53 anni, titolare di un panificio messinese, non era nuovo a simili condotte.

Si è svolta presso l’auditorium Gesù e Maria di Castanea delle Furie, la tavola rotonda su “Onoriamo i caduti, onoriamo gli eroi, onoriamo Giovanni Denaro medaglia d’oro al valor militare”.

Una piazza gremita di gente quella che nella mattina di oggi, giovedì 21 marzo, ha fatto da cornice alla XXIV edizione della Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, promossa dalle associazioni “Libera” e “Avviso Pubblico” in diverse città d’Italia.

Partecipata la giornata Internazionale delle persone down promossa a Messina dall’Associazione meter e Miles.

In occasione delle XXVII Giornate FAI di Primavera, per la giornata odierna è stata indetta nel Foyer del Teatro Vittorio Emanuele di Messina una conferenza stampa tesa a illustrare l’evento di sensibilizzazione al panorama culturale nazionale che dal 1993 appassiona 11 milioni di italiani.

Si è tenuta presso la sala TV studio della nave MSC Bellissima, la Cerimonia di scambio Crest in occasione del Maiden Call che celebra il primo attracco della nuova ammiraglia al porto di Messina.

A seguito della paradossale circostanza del “dietro front a sua insaputa” del Sindaco in merito alla concessione del patrocinio al Pride, interviene Alessandro Russo

Negli ultimi giorni era trapelata la notizia che il comune di Messina intendesse patrocinare l’evento: è di oggi la smentita di De Luca, che per “mero errore materiale” avrebbe frettolosamente sottoscritto un documento senza aver contezza del contenuto.

Si è conclusa ieri mattina a Sperone la raccolta firme avviata dalla Progetto Sperone e dalla Parrocchia, a sostegno del progetto RecuperiAMOSperone di concerto con questa Amministrazione che ha accolto molto favorevolmente la proposta che prevede la realizzazione del primo parco urbano della zona Nord che sorgerà dietro la chiesetta dei Miracoli di Sperone, interamente finanziato dalla SNAM con i fondi destinati alla opere compensative ambientali.

Ricondurre ad una visione più ambientalistica l’intero sistema produttivo mondiale e lo sfruttamento delle risorse sembra essere un’ovvia quanto difficilmente attuabile soluzione.