Ci sembrano misure di “buon senso” che, ci permettiamo di suggerire, andrebbero accompagnate da un limite temporale (max 30 giorni) a disposizione degli uffici per espletare le pratiche e comunicarne il responso positivo o negativo

i residenti ed i proprietari di seconde case in contrada Grancabella località Rodia Comune di Messina sono sprovvisti di acqua potabile nelle loro case

Messina. Non può passare inosservata la differenzazione in casa PD, dove – questa volta – anche il capo gruppo ha votato con Antonella Russo e Felice Calabrò a differenza di Gioveni ed del gruppo LiberaMe: sintomo di un Partito ancora alla ricerca di se stesso, mentre il centro destra, questa volta, è riuscito a non evidenziare le profonde divergenze esistenti al proprio interno.

Messina
Infine, si osserva come, la tangenziale non possiede assolutamente i requisiti autostradali e come tale DEVE ESSERE ESCLUSA dalla concessione autostradale ed assegnata in gestione ad ANAS e conseguentemente priva di pagamento di pedaggio, come da tutte le strade gestite dall’ANAS

A siglare l’atto sono stati i coniugi Giovanni Ardizzone e Federica Fondarò, famiglia inserita nella graduatoria definitiva degli aventi diritto all’assegnazione di unità immobiliari nell’ambito di “Fondo Saccà”, approvata con determina del 7 febbraio scorso.

La 1^ Commissione consiliare Infrastrutture e lavori pubblici stigmatizza all’unanimità quanto accaduto per l’impossibilità materiale di poter esercitare il ruolo di indirizzo e di controllo attribuito dalla legge all’organo consiliare nell’interesse della cittadinanza.

nella Scalinata ringo si è riscontrata la totale assenza di un servizio di pulizia, ordinaria e straordinaria, con immondizia sparsa su ogni lato, compromettendo dunque le condizioni igienico-sanitariedell’area, ed erbacce che impediscono di usufruire di alcuni spazi

Dopo sette riunioni conclusa la ricognizione dei fondi assegnati a Messina da 8 programmi e misure regionali e statali per un importo complessivo di oltre 500 milioni di euro.

Sperone.
Questa situazione da terzo mondo ostruisce una “Villetta con i giochi per i bambini” che il Comune avrebbe dovuto prendere in carico ma che se all’esterno è ostruita da rifiui e suppelletili varie, all’interno l’erba la fa da padrona …

Teatro di Messina.
Gli intelletuali, gli imprenditori, i politici messinesi sono disponibili ad impegnarsi in un ragionamento comune per la città ?

Siamo convinti che occorra porre in atto veramente il decentramento amministrativo anche per convincere i promotori a desistere da un’operazione inutile e deleteria.
La Politica faccia un passo avanti !

In una atmosfera di reciproco rispetto e di possibilità concreta di “fare per la città” l’idea di De Luca di dimettersi da Sindaco per andare, il prossimo anno, a nuove elezioni, sembra ormai superata

Messina: Messina: “contribuenti fantasma”

Abbiamo solo chiesto un diritto e una messa in sicurezza adeguata.
Per domani incrociamo le dita, per il resto noi ci incazzeremo ancora di più come ha fatto il Sindaco stamattina alla Rai.

li avessero utilizzate anche su temi importanti e di stretta attualità che in questo primo scorcio di mandato hanno interessato le popolazioni che li hanno eletti (emergenza scuole, Risanamento ecc.) rispetto ai quali invece, spiace constatare, sono rimasti totalmente indifferenti!

questa vera e propria “guerra” ingaggiata dal Sindaco De Luca contro un Consiglio Comunale, che ad oggi possiamo definire, come qualità ed impegno, il migliore delle ultime tre legislature