I provvedimenti “veri”, sui quali occorrerà veramente approfondire verranno dopo, in circa 500 delibere da approvare prima del 23 novembre, termine ultimo per poter procedere alla rimodulazione del Piano di riequilibrio a cui, ancora una volta, il Comune di Messina si aggrappa disperatamente sin dal 2013.

Nel video della diretta è decisamente interessante sentire le parole del Sindaco che denuncia reati, coperti o aiutati anche dalla passata amministrazione, che ormai devono interessare la Magistratura.

“Vorrei dire ai ragazzi di Gioventù Nazionale che sbandierano Che Guevara come loro mito, che li capisco ma non fate l’errore di noleggiare i miti politicamente corretti perché più facili e meno ostili al Racconto Globale. Guevara piace perché è un eroe perdente. Oltre il mito, c’è la sua storia. Guevara fu un fanatico rivoluzionario, Read more..

Da Palazzo Zanca abbiamo trasmesso l’iniziativa di Meter & Miles per la Giornata delle persone con sindrome di Down. Su Facebook  è possibile vedere la replica sia della prima che della seconda parte dell’evento Queste le considerazioni con le quali Saro Visicaro ha concluso la giornata.   GIORNATA NAZIONALE DELLE PERSONE CON SINDROME DI DOWN Read more..

Zingaretti al momento è l’unico candidato vero e di spessore alla segreteria, pe gli altri siamo ancora a voci, supposizioni e proposte … staremo a vedere …

OSSERVATORIO PERMANENTE SULL’EUROPA attraverso il quale operare sul piano della informazione per quanto già fatto ma anche per promuovere iniziative e progetti per ridefinire ruolo e funzioni di una nuova Europa

si precisa che, a smentita di quanto frettolosamente pubblicato nei vari profili social, l’ORSA NON HA SOTTOSCRITTO IL “SALVA MESSINA”.
Con una nota a verbale abbiamo preso atto di quanto discusso e ci siamo riservati l’eventuale condivisione del documento solo dopo la valutazione dell’assemblea dei lavoratori che si terrà lunedì 15 p.v.

Il 14 settembre lo abbiamo discusso in CdA e lo abbiamo adottato con riserva per i dovuti approfondimenti, visto che si tratta di un piano di oltre 200 milioni di euro in sette anni.

I Giovani Democratici della Federazione di Messina assistono preoccupati alle notizie che si susseguono da giorni sulla volontà del Sindaco di tagliare servizi pubblici essenziali e di licenziare i lavoratori. La proposta del tutto impropriamente è stata chiamata “Salva Messina”.

Molti Consiglieri sono rimasti increduli, anche perché l’approfondimento era stato richiesto da diverse componenti dell’Aula (come dimosra il nostro filmato) e si sente da pate di molti il bisogno di capire cosa contenga veramente il “Salva Messina”, che potrebbe essere condiviso nei titoli ma non sempre anche nell’applicazione concreta, e rendersi conto di quale potrebbe essere la maggioranza a favore.

I benpensanti… malpensanti cronici sono avvisati. De Luca e’ una persona troppo intelligente per fare errori così banali! Ed anche… noi!

Il momento è delicato, il campanilismo e il “provincialismo” sindacale vanno messi un attimo da parte, è necessario superare gli interessi dei singoli settori e proseguire il confronto con l’Amministrazione Comunale attraverso il livello Sindacale Confederale.

L’Aula Magna del Rettorato ha ospitato, questo pomeriggio, la presentazione del volume degli atti del convegno “La situazione italiana a un quarto di secolo dalla conferenza mondiale sulle donne di Pechino”, nell’ambito della giornata ideata per rinnovare il ricordo della prof.ssa Antonella Cocchiara

in diretta da Palazzo Zanca la prima parte del secondo “incontro informale” fra il Sindaco ed i consiglieri per affrontare i temi posti da De Luca nel suo “Salva Messina”.

Amministrazione e ATM abbiano l’umiltà e l’onestà intellettuale di riconoscere che il nuovo piano di esercizio, seppur sia ancora all’inizio, è fallito prima di nascere!

Il Comune, entro 60 giorni, avrebbe dovuto identificare le aree da risanare e provvedere alla costruzione di nuovi alloggi: come ben sappiamo, quest’ultimo passaggio è stato disatteso.