Daniela Faranda, capo gruppo di Fratelli d’Italia, sul brutto episodio che ha coinvolto la Scuola Pascoli Crispi:

“Non siamo interessati al rimpallo di responsabilità davanti alla impossibilità dei bambini di andare regolarmente a scuola, è intollerabile che vengano trattati da pedine, spostati qua e là fintantoché non si trova una soluzione.

Sulla chiusura della scuola Pascoli- Crispi non si può aspettare oltre, il sindaco intervenga immediatamente, come massima autorità sanitaria cittadina e ripristini ordine mettendo tutti, genitori e lavoratori, in condizione di esercitare i propri diritti senza dover temere per la salute dei propri figli o per la propria. In questi giorni abbiamo ascoltato solo alcuni rappresentati delle parti in causa e più volte l’assessore Alagna che, proprio ieri, ci aveva rassicurati ma a quanto pare la pulizia, seppur “straordinaria” non è bastata, d’altra parte, lo avrebbe capito anche un bambino.

Spiace dover dire che avevo ragione a chiedere che il sindaco vigilasse su procedure ed interventi, è evidente che non l’ha fatto! Il Comune di Messina per primo e non solo come proprietario dell’immobile, la Scuola, l’ASP e chiunque ha, con inqualificabile leggerezza, sbagliato faccia un “mea culpa” pubblico e rimedi immediatamente al grave disagio provocato ai cittadini.

Resta, comunque, da portare alla luce eventuali responsabilità e, se nella gestione dell’emergenza, gli uffici comunali non hanno rispettato le procedure previste dalla normativa vigente e dettate, in ogni caso, dal buon senso Accorinti, in nome del “cambiamento”, sollevi dall’incarico inadempienti, superficiali ed incompetenti.

Daniela Faranda infine aggiunde uno sfogo:“Ero fiduciosa ma a quanto pare qualcosa è andata male
O meglio qualcuno non ha fatto il proprio dovere