Mario Biancuzzo, Consigliere VI Circoscrizione, ha inviato all’Amministrazione Cmunale ed al Presidente ATM la seguente lettera:

Mario Biancuzzo

“Segnalo, agli Organi in indirizzo, la grave problematica creata dalla partecipata ATM che ha modificato per l’anno in corso l’orario della corsa denominata linea 81 via Mortelle, che in precedenza permetteva ai giovanissimi studenti frequentanti l’istituto Petrarca riconducendoli e trasportandoli al proprio domicilio.

Purtroppo, con il nuovo orario della linea 81, l’autobus transita, da Ganzirri, alle ore 13,40 circa e quindi non raccoglie più gli scolari che ancora sono in classe, motivo per cui tantissime sono le famiglie penalizzate che non sanno più come assicurare il rientro in sicurezza ai propri figli.

Pertanto mi corre l’obbligo di sottolineare la necessità di garantire tutelare l’incolumità degli scolari all’uscita dalle lezioni che non possono rimanere sul ciglio della strada più del tempo dovuto in attesa della corsa successiva della linea 81 che transiterebbe non prima delle ore 14,45 circa.

La problematica in questione solleva valutazioni di responsabilità e sicurezza nei confronti dei ragazzi tra l’altro minori e ne confronti delle famiglie i cui genitori non possono sistematicamente lasciare il posto di lavoro anzitempo per correre a prendere all’uscita della scuola i propri figli perché questo avvicendarsi di mezzi in transito innanzi alla scuola non solo intralcia il traffico ma crea nuove occasioni di incidenti in quel asse viario.

Pertanto in considerazione delle ragioni sopra esposto reclamo l’immediato ripristino della linea 81 compatibilmente con l’orario di uscita dalle lezioni dalla scuola Petrarca di Ganzirri ovvero alle ore 13,50 alla fermata antistante all’istituto qui indicato.

Resto in attesa di un sollecito ed urgente riscontro onde evitare qualsivoglia responsabilità in capo agli organi competenti che avrebbero dovuto interloquire tra di loro interfacciandosi con il dirigente scolastico più tosto organizzare il servizio di trasporto in modo del tutto univoco e quindi scriteriato.”