Il primo dicembre rilanciando una interessante inchiesta di Voce di Popolo  abbiamo posto in evidenza sia gli strani rapporti Comune-Enel che la consapevole mancanza di illuminazione di intere zone della città da parte della Giunta Accorinti.

Oggi, raccogliendo l’appello degli abitanti di Contrada Badessa e del Consigliere di Circoscrizione Spanò abbiamo accompagnato, alle sei di sera, una giovane mamma e la sua bambina nel percorso che fa ogni giorno lavorativo.

Il capolinea del bus 78 a Contrada Badessa e situato in una piazzuola assolutamente spoglia che chiude una lunga strada senza illuminazione pubblica.

I pali della luce, completi di lampade, fanno bella mostra di se ma avere la luce è altra cosa …

Il mistero è tutto a Palazzo Zanca dove la burocrazia ha il tipico comportamento che si riassume nel “la mano sinistra non sa cosa fa la mano destra”.

A dire di alcuni la strada non è del Comune o dell’ex Provincia, quindi sarebbe privata.
Se così fosse perchè ATM fa capolinea li ?
Chi ha realizzato la strada e le relative opere ?

buio-003Abbiamo pessima e lunga esperienza di parte (per fortuna non tutta) della burocrazia comunale ma restiamo sempre perplessi di fronte l’inefficenza e lo scarica barile.

Dopo varie interrogazioni, dopo petizioni popolari è così difficile per gli uffici parlare fra di loro ?

E se non ne sono capaci perchè non provano a farlo Pino, De Cola e Cacciola ?