Siamo meravigliati per le immagini che circolano su Facebook o che campeggiano sui muri della città con dei bei faccioni, un nome e la dicitura “per il Consiglio Comunale” o per la “Circoscrizione”; alcuni di questi manifesti si fregiano di simboli fantasiosi altri ne fanno anche a meno.

La cosa che ci ha colpito è che molti, troppi di questi candidati non dichiarano con “quale candidato Sindaco” corrono …

E’ noto che nessuno degli attuali candidati alla guida della città ha i voti per aspirare a tale carica e quindi diventa vitale il “trascinamento” (ossia un voto dato ad altri) da parte dei candidati consiglieri: diventa quindi vitale che ogni candidato chieda il voto ai cittadini non solo per le proprie capacità ma anche indicando il Sindaco che vuole sostenere.

Pasqua è terminata, le uova le abbiamo scartate e non è più tempo di sorprese…

Cosa aspettano alcuni candidati a dichiarare da che parte stanno?
Si vergognano o ancora non hanno deciso, avendo trattative personali  in corso?

E’ un strano concetto di democrazia e di delega che si va diffondendo: “tu vota per me… poi ci penso io…

No, ci rifiutiamo di accettare supini questo stato di cose: il programma amministrativo non è del singolo candidato consigliere ma quello del candidato Sindaco (posto che tutti i candidati abbiano un vero programma…) per cui da certi manifesti, sui quali apparità successivamente il collegamento al Sindaco, ci sentiamo offesi e turlupinati.

Partiamo con il piede sbagliato: dopo aver promesso il voto, con consapevolzza, ad una persona, per la sua preparazione, sensibilità o il buon lavoro fatto nel passato, non voglio trovarmi a sostenere un Sindaco nel quale non mi riconosco !