Pubblichiamo, con enorme piacere, la lettera che il Comune di Falcone ha inviato al proprio  legale per il procedimento contro il giornalista Antonio Mazzeo con la quale si comunica che lo stesso Comune ha deciso di non costituirsi “parte civile” contro il giornalista condividendo quanto da lui affermato.

mazzeo-falcone-1mazzeo-falcone-2

La storia ha dell’assurdo:

Antonio Mazzeo il 7 aprile dovrà in ogni caso affrontare il processo attivato dalla precedente amministrazione e quindi come “parte offesa” si troverà davanti l’ex Sindaco … il tutto dopo che in istruttoria, per ben due volte, era stato chiesto il proscioglimento…

Siamo convinti che alla fine tutto si risolverà al meglio, che forse l’ex sindaco sarà chiamato anche a pagare le spese, ma resta il fatto che una “Giustizia” così nega se stessa.

Il problema, ovviamente, non è la Magistratura ma le regole che la guidano e questo episodio “assurdo” dimostra ancora una volta come la “riforma del sistema giustizia” non sia più differibile e deve far riflettere molti soloni sulla “Libertà di stampa” e sulla concreta applicazione nel nostro paese dei diritti sanciti dalla Costituzione.