Questa mattina, dopo un incontro con l’Assessore Pino, una delegazione delle 60 famiglie delle case popolari di Zafferia ha occupato l’atrio del Comune di Messina.

Dopo mesi di attesa e dialogo con le Istituzioni cittadine e cin lo IACP, umiliate dalla burocrazia e con la necessità sempre più urgente di soddisfare bisogni fondamentali, le famiglie hanno deciso di procedere con un gesto simbolico che mostri in modo inequivocabile la propria determinazione.

Fondamenta allagate, case umide, respiratori in ogni casa, rappresentano il quotidiano di centinaia si persone ospitate nel vasto complesso delle case popolari di Zafferia.

Ora si aggiunge una evidente “Crisi sanitaria”: caso emblematico il ricovero del piccolo Cristian !

Cristian

Cristian

Cè un vuoto insormontabile e non giustificabile fra i tempi della sonnolente burocrazia ed i bisogni basilari delle persone !

Viste le “difficoltà” del Comune, la lentezza dello IACP ed ora il pericolo incombente per la salute di vecchi e bambini occorre che tutti si assumano la propria parte di responsabilità.

Sollecitiamo le autorità sanitarie di farsi parte attiva a sostegno di questi cittadini, da troppi considerati di “serie B”.

Sollecitiamo l’intervento della Prefettura perché, esaminati i fatti, si faccia centro responsabile di coordinamento istituzionale sia sul fronte “abitativo” che, e con maggior urgenza, su quello “sanitario” a difesa della popolazione più debole.