titanic
Il commento di Sergio Pensato:
“Il vero grande sconfitto di queste elezioni è il M5S, che ha sfiorato un risultato epocale. Ma è una setta New Age, incapace di ragionare serenamente, e il risultato è che Grillo demolisce il consenso esterno, comportandosi come un pazzo da alcuni anni. Peccato, perché fino a oggi ha messo il cappello sul dissenso acutissimo e reale nel Paese. Ma sarebbe bene ricordare che la fondazione di un partito è un atto oggettivo e necessario, con tempi che sono inconciliabili con la prassi grillina della lottomatica, e soprattutto regole ferme. Appena la gente si renderà consapevole di essere tradita, reagirà con la disaffezione. Il Movimento si sgonfierà come una nuvola.
Leggo i commenti paranoidi de IL REGIME alla tornata elettorale. Il frame è un mostro che ha divorato il nostro bel giornalismo, fino a immiserire testate e professione del giornalista a un esercizio di corrispondenza. Nella Società dello Spettacolo è facilissimo che la notizia venga distorta da una falsa prospettiva, visto che negli articoli si incrociano in realtà molte altre informazioni sottotraccia. C’è una base biologica, ma prevale una dinamica sociale che premia le simmetrie sulla motivazione individuale. Leggo la dichiarazione del Carneade di turno: ‘PD, Rosato: “Gentiloni nome spendibile per Palazzo Chigi’. In verità la gente ha i coglioni a pezzi di Renzi, Gentiloni, Boldrini e una coda di ministri incapaci e antipopolari. La gente non ne può più di vedere sfaccendare i raccomandati dei centri di accoglienza, mentre gli immigrati economici, quelli regolati dalla Bossi-Fini, sono rassegnati a essere sfruttati come tutti i migranti; e mentre nessuno accenna ai nostri disoccupati, ormai entrati come una costante economica nei progetti dei padroni della UE. In verità i nomi più impopolari – o per lo meno la maggior parte degli impresentabili – sono facce del PD legate esplicitamente ad atti chiaramente antipopolari, vedi pensioni. La gente avrà crisi di rigetto violentissime appena sentirà parlare di PD, totalmente responsabile della pessima qualità della vita nel Paese. Su questa strada il PD si è chiaramente condannato alla estinzione, e mi sta bene. Grande è soprattutto il rancore nel Paese verso un clima di mistificazioni e di bugie che ha imposto il sovvertimento dei valori più ovvi, drammatizzando astutamente questioni secondarie come il gender e il feminicidio. I nodi vengono al pettine, soprattutto se sono nella pancia. La sinistra si fa soltanto più male, agendo così”.

 

liste regionali report