Ancora una volta riportiamo una “denuncia” di Marcello Puglisi inoltrata ad elementi sordi per consolidata tradizione (ACCORINTI, IALACQUA, FERLISI ed ASP) ed inoltrata per conoscenza al Prefetto, all’ing. Cucè (ancora Messinambiente ?) ed a Enzo COLAVECCHIO, responsabile di quella Legambiente da cui proviene l’Assessore ecologista.

“Come preannunciato/ipotizzato con nota del 30.08. u.s. è ripartita la discarica abusiva nella zona indicata in oggetto, pulita pochi giorni fa con non pochi sacrifici.
Si esortano le SS.LL. a porre in essere tutte quelle misure atte a scoraggiare quanti continuano a deturpare l’ambiente con assoluta tranquillità.

Si rammenta che la zona necessita urgentemente, cioè prima dell’introduzione dell’ora solare, allorquando le ore di luce sono di gran lunga inferiori a quelle di buio di:

 una adeguata pubblica illuminazione che al momento è carente/assente

 la costruzione del CIGLIONE che delimita la strada dall’arenile come effettuato a Torre faro (ME) e non eventuali ringhiere dalla facile rimozione da parte di vandali – se sono riusciti a demolire il ciglione figuriamoci cosa farebbero con una ringhiera…!

 la rimozione del ciglione demolito inspiegabilmente da ignoti e abbandonato in spiaggia, perché esso stesso rappresenta un pessimo esempio di abbandono e di discarica ….!

Al momento si sta conducendo una battaglia “impari”…. e l’eventuale ritorno alle condizioni di degrado precedente sancirebbe il fallimento di ciascuno di noi e soprattutto del “sano” principio di legalità …!

In attesa di vostro cortese e sicuro riscontro, si porgono Distinti saluti.

Marcello Puglisi