Lucia Gaberscek è laureata in Giornalismo; prima prende in mano la televisione fondata dal padre, Tele 90, poi segue le orme del marito dedicandosi all’impegno politico. Con buoni frutti, considerato che oggi è la prima donna a rivestire la carica di Presidente del Consiglio Comunale di Taormina.
Insomma, Lucia Gaberscek è una donna “a tutto tondo”: bella, elegante e di modi gentili, in carriera tuttavia per niente disposta a rinunciare alla sua femminilità di moglie e madre.
Ma chi è abituato a restare “fuori dal coro” guarda oltre lo slogan delle pari opportunità, e cerca testimonianze. Così, prendendo spunto dall’intervento di Lucia Gaberscek all’appuntamento di Spazio al Sud in memoria della vittima di mafia il maresciallo Alfredo Agosta, sottoponiamo alla sua attenzione il nostro punto di vista riguardo l’organizzazione delle attività culturali e la gestione dei siti storico-architettonici a Taormina, formulato sotto scadenza elettorale.

Taormina: pigioni dei palazzi storici svincolate dal capitolo di bilancio per la Cultura
La domanda di uso dei palazzi storici di Taormina non ha subìto una flessione, nonostante la delibera n. 45 del 24 ottobre 2017 abbia limitato il gratuito patrocinio alle “iniziative di intrinseco valore civico” e tutt’al più attribuisce alla Giunta il potere di deliberare la “riduzione del canone fino al 50% in favore di associazioni no-profit o a sostegno di iniziative ritenute di particolare valore sociale o culturale”.
I privati che desiderano mettere in mostra a Taormina la loro offerta culturale sono ora tenuti a dare pigione al Comune, e la tariffa giornaliera arriva sino a seicento euro. La ratio del regolamento è di “preservare il patrimonio da eventuali danni” e agevolarne la gestione contribuendo alle spese.
Ma la nostra Redazione apprende che il profitto realizzato entra nelle casse comunali interamente svincolato dal reinvestimento nel settore della Cultura, o a favore dei palazzi che fanno degnamente da cornice alle iniziative. Benché la città di Taormina debba molto, in termini di immagine e di ricchezza interna, al lavoro degli operatori culturali. Al riguardo solleviamo una critica: la Cultura produca Cultura, allora l’amministrazione che sarà eletta a giugno si impegni a modificare la delibera 45/2017, nella consapevolezza che la valorizzazione di un territorio passa anche dall’impegno, costante e cospicuo, a favore della creatività.

Nella foto, da sinistra: il presidente del Consiglio di Taormina Lucia Gaberscek; il presidente di Spazio al Sud Maria Teresa Papale; lo scrittore Paolo Sidoti e la giornalista Milena Privitera.