Quando si dice al peggio non c’è mai fine!
Era da un pò che in città si respirava aria di cambiamento nella gestione dei rifiuti, proprio riuscivi a percepire che si erano messe in moto le più fulgide intellighenzie.

Infatti, quella di posizionare una campana per la raccolta del vetro in mezzo ad una discarica abusiva e per di più davanti ad un cancello di una proprietà della società Poste Italiane, è un’idea talmente all’avanguardia, da rendere difficile la comprensione anche alle menti più acute del firmamento manageriale cittadino.

Sono sicuro che a breve verrà svelato l’enigma, e che come sempre, farò la figura del provincialotto.

Certo, il fatto che dopo mesi di note e interrogazioni, le campane prospicienti la chiesa di Torre Faro, nel punto in cui c’è l’affaccio a mare e una fermata dell’autobus siano ancora lì, non fa sperare bene.

A questo punto, non rimane che attendere la prossima intuizione geniale.
Sbalordito da cotanto ingegno, porgo cordiali saluti

Giuseppe Sanò, consigliere della VI Municipalità

********

Un’altra soluzione geniale la suggerisce Pippo La Fauci, che dice “Sapete quali sono le priorità per l’assessore ialacqua,?
Andare a contestare inutilmente Matteo Salvini, poi se i nostri disabili non possono circolare liberamente la colpa è di quelli di prima – abbassate il pugno e lavorate che siete “amministrativamente scarsissimi”

Foto-La-Fauci