On. Beppe Picciolo: “la prossima settimana, nell’incontro già previsto, chiederemo al candidato presidente della coalizione di centrosinistra, professore Fabrizio Micari, che la salvaguardia dell’Autorità Portuale di Messina e Milazzo diventi punto qualificante del programma di governo”

Intanto prosegue Picciolo: “Considerato che la mancata istituzione di una Zes nel territorio di Messina e Milazzo e la mancata contestuale autonomia dell’autorità portuale di Messina potrebbe produrre la nefasta conseguenze di un declassamento del sistema portuale alla luce della classificazione dei porti preannunciata nel decreto correttivo alla legge 84/94, attualmente in fase di approvazione/discussione presso le commissioni parlamentari ed in sede di Conferenza Unificata abbiamo posto al Governo regionale un’interrogazione urgente con risposta scritta per conoscere la volontà d’interagire con il Governo nazionale e con il Ministero delle Infrastrutture e trasporti affinché possano immediatamente avanzare richiesta di modifica della predetta legge n. 91/2017 proprio al punto che prevede le limitazioni per la istituzione di una ulteriore Zes nel territorio messinese collegata ai porti di Messina-Milazzo”.

(NdR): Apprendiamo con piacere dell’iniziativa di Sicilia Futura e speriamo che su di essa ci sia la convergenza del PD, del Megafono e dei Centristi.

Ma vogliamo dire di più: Su tali proposte e su un intervento politico- amministrativo che renda impossibile il Default delle Città Metropolitane Siciliane, se causato da eventi esterni l’amministrazione, (a carico di Crocetta ora e poi del futuro Governatore) dovrebbero impegnarsi, per il bene della Sicilia, tutti i candidati alla Presidenza.

Con lo stesso spirito chi diventerà il capo della opposizione all’ARS dovrà impegnarsi da subito a sostenere in modo fermo e chiaro su questi temi la maggioranza di Governo da chiunque sia costituita.