Da Massimo Costanzo riceviamo:


“L’Associazione  Progetto Sperone, che si occupa anche delle problematiche del territorio, appresa la notizia in  piena pagina della Gazzetta del Sud del 15 Gennaio 2019, si pone un grande interrogativo.

 Perché la Via Archimede Sperone, unica arteria principale da e per Faro Superiore, non è stata inserita tra gli interventi da effettuare?

Forse si pensa di fare con il secondo appalto in primavera dei rattoppi? No , noi non ci stiamo a questo gioco.
Le foto allegate dimostrano come ampie porzioni furono asfaltate con i fondi TASI 2016 appena un anno fa. Oggi la situazione è questa. Grosse voragini che impediscono il transito sicuro ai veicoli. Viale  Stagno D’Alcontres, poco prima di arrivare al pronto soccorso, l’asfalto  è praticamente deformato impedendo anche alle autombulanze un transito sicuro.
Agli atti, sia alla sesta municipalità che al Dipartimento lavori Pubblici, queste criticità sono state sempre evidenziate.
E’ inutile discutere sulla causa di tali conseguenze.
Sappiamo benissimo a cosa è dovuto.
Il nocciolo della questione sta principalmente nella condotta sotto la strada che ciclicamente, per effetto della forte pressione che si crea nella condotta sotto dimensionata, fa saltare tutto compreso l’asfalto.
Anni di segnalazioni anche ad AMAM che conosce benissimo la questione.
Per tutto questo noi chiediamo che la Via Archimede Sperone e Viale Stagno D’Alcontres quali vie  principali, vengano ripristinate e messe in sicurezza al transito veicolare e pedonale.
Che l’AMAM una volta per tutte ponga in essere un piano che preveda uno smaltimento acque nere e bianche adeguato e proporzionato all’abitato, in modo tale da evitare disagi del genere che recano anche costi per l’Amministrazione Comunale.”