Mario Biancuzzo, Consigliere VI Municipalità, ha scritti all’AMAM, all’Ass. De Cola ed alla Protezione Civile di Messina:

“Porto a conoscenza, agli Organi in indirizzo, che le raffiche di vento di maestrale hanno continuato a danneggiare il territorio rivierasco causando problemi alle opere pubbliche comunali.
In località contrada Cufina Tarantonio fognatura fatta a pezzi dalle onde e liquami in mare.

L’erosione avanza sempre di più verso le abitazioni e verso il cuore del villaggio Acqualadrone, Marmora, Orto Liuzzo, Campanella, Timpazzi, Caporasolmo, Puccino, Contrada Mella.

Non si tratta di allarmismo, ma dell’obbligo di guardare in faccia la realtà, il recente maltempo ovvero l’ennesima erosione costiera prodottasi nei giorni scorsi ha colpito ancora tutta la fascia costiera segnata in oggetto.

In località Tarantonio, la forza possente del mare ha spazzato via la rete fognaria ed un tratto di opere murarie.

Si rende necessario provvedere, con massima urgenza, al rifacimento degli impianti e delle reti danneggiate con scelta di più idoneo tracciato, stante che il litorale non protetto non garantisce la posa in sicurezza delle predette opere.