L’ISPETTORATO DEL LAVORO “BACCHETTA” ATM PER IL SISTEMA DI SOMMINISTRAZIONE DI PERSONALE ATTRAVERSO AGENZIA INTERINALE

sciacca15Nella mattinata odierna si è tenuto l’incontro fra l’ORSA e l’ispettorato del Lavoro di Messina, rappresentato dall’Ispettore Sciacca, per problematiche interne all’ATM. Il primo punto all’ordine del giorno riguardava la somministrazione di personale attraverso agenzia interinale;
L’ORSA, nel segnalare la singolare coincidenza per cui fra gli assunti sono presenti troppi soggetti legati da parentela a dirigenti e/o dipendenti dell’ATM, ha evidenziato come tale sistema di assunzione sia dispendioso per la collettività e produca una compressione trasversale dei salari e dei diritti che alla lunga potrebbe estendersi a tutti i dipendenti.

L’ispettore Sciacca ha comunicato di aver preso chiara posizione in merito ed ha consegnato all’ORSA la documentazione de quò con cui l’ispettorato comunica ad ATM chela normativa vigente consente il ricorso a tipologie contrattuali flessibili, ivi compreso il contratto per somministrazione, solo per esigenze temporanee ed eccezionali”;

Foti - direttore ATM

Foti – direttore ATM

evidenzia inoltre che ATM “in meno di due anni è ricorsa per la seconda volta all’utilizzo della stessa procedura, con società di somministrazione e con i costi conseguenziali”

L’ispettorato del Lavoro segnala inoltre che “per esigenze simili l’AMAT di Palermo ha deciso, tramite selezione pubblica, di istituire un elenco con graduatoria, cosiddetta long list, dalla quale attingere per l’assunzione di conducenti di autobus…. Lo stesso Comune di Messina è in procinto di pubblicare una procedura pubblica per l’assunzione del relativo personale”

L’ispettorato ritiene che “la selezione pubblica, con la creazione di un elenco soggetto alla rotazione, sia la procedura da attuare al fine di soddisfare le esigenze manifestate“.

Nel condividere totalmente la posizione dell’Ispettorato del Lavoro, l’ORSA si chiede quale sia il motivo che spinge la dirigenza ATM a utilizzare sistemi “inconsueti”, dispendiosi e poco trasparenti per evitare la selezione con evidenza pubblica. Visto l’evitabile dispendio di risorse pubbliche, sarebbe interessante conoscere la valutazione del Sindaco sul sistema imposto dal direttore Foti per l’assunzione di personale.

Durante l’incontro l’ORSA ha inoltre rappresentato il paradosso per cui in azienda si fa eccessivo ricorso al lavoro straordinario, ai confini del lecito, mentre per alcune qualifiche, già assunte a tempo indeterminato,vige l’orario di lavoro part-time.

L’ORSA ha tenuto a precisare che non può condividere la parvenza di efficienza che l’azienda mostra alla cittadinanza, poiché i dati forniti ufficialmente, relativamente al bilancio 2015, evidenziano differenze in negativo pari a 702.500,00 euro.

L’ORSA, al contrario di altre OO.SS. non può condividere l’operato dell’azienda, motivo per cui i propri iscritti sono vessati da continui provvedimenti disciplinari pretestuosi.

Il dirigente Dell’I.T.L. ascoltate le parti pervenute, preso atto di quanto emerso dal tavolo, si è riservato di approfondire, con l’acquisizione di ulteriore documentazione, quanto segnalato al fine di valutare le necessarie attività di competenza.