Un’idea interessante quella accolta ed oggi presentata alla stampa da Daniele Zuccarello nell’ambio dello sviluppo turistico e culturale del nostro teritorio.

Con l’impegno dell’”Associazione Incontri” di Antonio Curcio e grazie al suo lavoro di ricerca e conservazione si può realizzare un Museo del Carrrettino Siciliano.

Il luogo individuato, e già richiesto all’Amministrazione Comunale, è l’ex scuola di Gesso.

Con un po’ di buona volontà si potrebbe trasformare il villaggio di Gesso, sempre più abbandonato, in un luogo di attrazione turistica e cultura.

Basti pensare che da quelle parti è in piena attività il Museo degli antichi strumenti musicali, c’è lo storico “Don Minico” con i suoi mitici panini, immerso in un habitat naturale invidiabile ed aggiungendo il Museo del Carrrettino Siciliano si potrebbe ceare una sinegia positiva tale da attrare altre iniziative ed un flusso di Messinesi, scolaresche e turisti di tutto rispetto.

L’idea ci convice, anche nell’ottica di considerare Messina nel suo complesso e non solo Piazza Cairoli.
Speriamo che l’Assessore alla Cultura voglia farla propria senza badare agli interessi politici di bottega e di visibilità.

Ai Messinesi non interessa chi sia il “padre” di un’idea ma che si prendano finalmente iniziative concrete, magari piccole, senza banda, fanfara e sermoni.
E poi si abbia la capicità di sfruttarle “facendo sistema”.