Mario Biancuzzo, Consigliere VI Circoscrizione, scrive alla Protezione Civile,all’Ass. De Cola, a MessinAmbiente ed al Commissario Romano:

“Il violento temporale della mattinata di ieri, 11 settembre, ha determinato problemi di tenuta e viabilità al manto stradale della carreggiata. Invasa da acqua, fango ai mezzi in transito, ai pedoni lungo la strada statale 113/dir in prossimità degli esercizi commerciali del bar e del tabacchino ubicati al bivio per Castanea.

Spartà-004Infatti le copiose acque piovane provenienti per caduta dalla strada provinciale si sono riversate pericolosamente davanti l’ingresso del bar e del tabacchino citati. Le acque non defluendo regolarmente nelle apposite canalette di deflusso non debitamente ripulite per tempo, insieme ai rifiuti abbandonati e mai rimossi hanno occupato l’arteria stradale intralciando la circolazione ed impedendo agli esercenti di lavorare e di accogliere gli avventori.

Spartà002Premesso ciò chiedo agli Organi in indirizzo ognuno per le proprie competenze di effettuare tutti i lavori necessari per eliminare in vista del maltempo legato alla stagione in corso tutti gli ostacoli come i rifiuti abbandonati da incivili ed i detriti che ostruiscono i tombini, ripristinando le condizioni di sicurezza a salvaguardia della pubblica e privata incolumità, scongiurando anche eventuali responsabilità che si potrebbero determinare causa mancati interventi. Interventi ora divenuti urgenti e non più procrastinabili. Pertanto richiedo immediatamente:

1) La pulitura dei solchi di scolo per il regolare deflusso delle acque piovane impedendo così la pericolosa formazione di stagnanti acquitrini in mezzo alla strada e davanti l’ingresso del bar e del tabacchino e delle abitazioni della zona.

2) La realizzazione di griglie per contenere e filtrare le abbondanti acque meteoriche che diversamente allagano la strada compromettendo la sicurezza delle abitazioni e delle attività commerciali.

3) Al Commissario della MessinAmbiente infine richiedo di provvedere a destinare in questo emarginato comprensorio tutti i necessari operatori ecologi per effettuare la raccolta di tutta la spazzatura presente da mesi così come è abbandonata e dimenticata ai bordi della strada statale 113/dir con relativo accurato spazzamento, da Ponte Gallo a Mortelle.”