Il tombino della discordia di Via Archimede Sperone di fronte l’ingresso della Coop. Città del Sole 81, è ormai diventando oggetto di una campagna elettorale che ancora ufficialmente deve cominciare, quella per le Amministrative.
Le segnalazioni sono state fatte da quasi la metà dei consiglieri della sesta municipalità ma come si evince dalle foto la situazione è invariata e peggiorata.

Nel 2017 questo famoso tombino delle acque bianche era stato già oggetto di sprofondamento e rapidamente dopo “sei mesi” è stato ripristinato.

Ma dopo appena un mese la storia si ripete.
La griglia nuova che era stata collocata è finita dentro il tombino stesso.

Va detto che sono state fatte numerose segnalazioni non solo per iscritto ma anche solleciti telefonici, ma non si capisce come mai ad oggi non si è ancora provveduto.

Sarebbe davvero umiliante in campagna elettorale promettere “che ti sistemo il tombino” daremmo ragione a chi sostiene che non abbiamo adempiuto al nostro dovere o ancora peggio che siamo un peso ed un costo inutile. Per fortuna ci sono i documenti che possono dimostrare l’esatto contrario.

Caro Ing. Amato ci dia una risposta sul tombino della discordia al più presto prima che cominci la campagna elettorale.

Massimo Costanzo, consigliere della sesta municipalità