Il Città di Messina si aggiudica meritatamente il derby cittadino, approfittando anche della espulsione di Genevier per doppia ammonizione.

La squadra di Mister Furnari ha prevalso dal punto di vista atletico e tattico nei confronti di un Messina decisamente sottotono, l’ombra della squadra che Domenica scorsa aveva battuto il Gela di Zeman.

   La difesa del Città è apparsa solida e attenta per quasi tutta la gara. L’unica incertezza nella prima frazione di gioco è stata punita dal goal del momentaneo pareggio dell’Acr, subito al 30esimo del primo tempo, quando Gambino, riceve un cross dalla destra, anticipa Berra e di testa, in splendida elevazione, insacca nella porta difesa da Paterniti,

Il CdM era passato in vantaggio al 13cesimo del primo tempo, grazie a Galesio che, al termine di una bellissima azione manovrata sulla sinistra, raccoglieva un rimpallo al centro dell’area avversaria e batteva in rete   La manovra del CdM è apparsa subito più fluida determinando una evidente superiorità territoriale.

Al 34esimo il primo episodio significativo : l’arbitro Nicolini, in pessima giornata, ammonisce Genevier, colpevole a suo dire di aver commesso un fallo su Fofana che in verità aveva subito.

Due minuti dopo arriva il gran goal di Fragapane che riporta in vantaggio il CdM : l’esterno sinistro si impossessa di una palla malamente stoppata da un difensore del Messina e dal limite dell’area fa partire una cannonata di collo pieno che si insacca all’incrocio dei pali. Eurogoal.

  Al 39esimo seconda ammonizione, anch’essa fuori luogo, ed espulsione di Genevier.
Senza il suo uomo migliore, l’Acr si smarrisce.

Nel secondo tempo, l’Acr in 10 uomini, rimane in balia del Città che in più occasioni cerca il colpo del Kappaò. Come al quarto minuto, quando Fragapane imbastisce un’azione personale seminando un nugolo di avversari, mette in mezzo un pallone che attraversa tutta l’area di rigore e si perde sul fondo.

   Il terzo goal arriva al 17esimo della ripresa : Cardia, appena entrato in sostituzione di Fragapane, di testa, su corner teso, approfitta di una distrazione difensiva dell’Acr, anticipa tutti e insacca nel primo palo.

Comincia quindi un via vai di sostituzioni da una parte e dall’altra. Il gioco rimane confuso, ma ben controllato dal Città almeno fino al 41esimo della ripresa : Gambino protegge di forza un pallone conteso in area di rigore che costringe al fallo gli avversari. Rigore. Tira Rabbeni, anch’egli subentrato a Petrilli, e batte Paterniti alla sua sinistra.

L’Acr si galvanizza e tenta di pareggiare . Ma il CdM resiste, alla fine porta a casa tre punti preziosissimi e conferma di essere in netta ripresa.

Per l’Acr purtroppo la strada si ripresenta in salita. Ancora tutto è possibile, ma urgono rinforzi di categoria superiore. Arriveranno ?

 

°°°°°

MARCATORI : 13′ Galesio, 30′ Gambino, 36′ Fragapane, 17’st Cardia, 43′ st Rabbeni (rig). 

CITTA’ DI MESSINA: Paterniti, Fofana, Fragapane (61′ Cardia), Bellopede, Berra, Bombara (24′ Trevizan), Cangemi, Calcagno (84′ Portovenero), Galesio (66′ Codagnone), Ferraù, Di Vincenzo (79′ Nicosia). Allenatore: Furnari.

MESSINA: Ragone, Dascoli, Barbera, Traditi (51′ Ibojo), Porcaro, Russo, Cocimano (42′ Bossa), Biondi (81′ Cimino), Gambino, Genevier, Petrilli (51′ Rabbeni). Allenatore: Biagioni.

ARBITRO: Nicolini di Brescia. ASSISTENTI: Lafandi di Locri e Santoni di Cesena

ESPULSO AL 39′ Genevier(ACR MESSINA) per doppia ammonizione