Tutti almeno una volta nella nostra vita abbiamo praticato dello sport, anche se non in maniera agonistica. Una semplice corsa al parco o un pallone lanciato tra amici rappresenta, ad ogni modo, una pratica sportiva. Lo sport è vita e rappresenta un mezzo che ci permette di stare in società nel modo migliore, di fare esperienza e, per chi lo fa in modo agonistico, di ottenere risultati e vincere premi.

Per i giovani lo sport rappresenta prima di tutto uno strumento educativo e sociale. Prima di diventare atleti si deve imparare a vivere in gruppo, con gli amici, a rispettare le altre persone e ad essere corretti, leali, a non disprezzare un compagno o un avversario. L’attività fisica, specialmente per i ragazzi nell’età dello sviluppo, è fondamentale per preparare il fisico sia alla crescita che a renderlo più resistente a traumi e malattie. I giovani che fanno sport vivono meglio la loro età e stanno lontani dalle problematiche che attanagliano le fasce di età più basse, come droghe, alcool o bullismo. Inoltre c’è un detto che dice “mens sana in corpore sano”, la mente è sana quando il corpo è sano: come dargli torto! Stare bene fisicamente significa quasi sempre stare bene anche con la testa, essere più pronti e partecipi alla vita scolastica raggiungendo gli obiettivi prefissati.

Anche per le persone anziane lo sport può essere un fattore molto positivo che aiuta il benessere psicofisico. Ovviamente non tutte le tipologie di sport, magari quelle che richiedono minor sforzo fisico. Per le persone anziane avere la possibilità di fare attività fisica può essere importante per evitare problemi cardiovascolari o ancora per evitare fattori negativi come l’obesità. Ma anche in questo caso si tratta principalmente di un fattore psicologico che permette a chi è un po’ più avanti con l’età di sentirsi ancora in grado di vivere al meglio la propria vita e quella in società. Fare sport a tutte le età, se controllati da specialisti e nei modi giusti, non fa male. Tutt’altro!