L’isola Pedonale è necessaria, è la base fondamentale per il rilancio del Salotto della città, del punto di ritrovo Messinese, ma l’Isola Pedonale da sola non basta, assieme ad essa vanno attuate delle iniziative che la valorizzino come quelle sopra elencate, che soddisfino le esigenze dei cittadini e dei commercianti, pertanto siamo assolutamente contrari ad una sua riapertura al traffico ma riteniamo fondamentale l’attuazione delle misure cui sopra, all’interno di un ottica di rilancio dell’area.

Nulla di diverso potrebbe spiegare la ridicola vicenda dell’annunciata “non riapertura” di Piazza Cairoli al traffico veicolare.

Mi dispiace per il mio amico Lino Santoro.
La sua iniziativa era ed è di retroguardia.
Ha fatto bene il Sindaco a fare una giravolta su Piazza Cairoli.
Solo i cretini non cambiano opinione.

17 giugno 2019, Giornata Mondiale per la Lotta alla Desertificazione (2019 WDCD) indetta dalle Nazioni Unite per ricordare l’adozione a Parigi il 17 giugno 1994 della Convenzione per la Lotta alla Desertificazione – UNCCD, che quest’anno celebra il venticinquesimo anniversario della firma.
Il tema adottato quest’anno è “Facciamo crescere il futuro tutti insieme”.

Bramanti, torna a parlare dopo mesi nei quali il partito ha volutamente mantenuto un profilo basso e spiega i motivi di questa scelta: ‹‹ È stata una posizione ben precisa, un modo per lavorare e contribuire al bene della città senza scontri diretti o indiretti con il sindaco, che potevano apparire agli occhi dei cittadini strumentali e figli delle scorie e conflitti legati alla precedente campagna elettorale, nonché al ballottaggio finale. Alla luce di quanto sta accadendo in questi ultimi giorni devo, però, prendere atto che il nostro senso istituzionale non è servito a nulla››

Europa ed Agenda 2030 attraverso le proposte emerse dal Festival dello sviluppo sostenibile, ne abbiamo parlato ad Alta Sostenibilità, su Radio Radicale, con Daniela Rondinelli, Europarlamentare MoVimento 5 Stelle, Irene Tinagli, Europarlamentare Partito Democratico e Paolo Borchia,