[stream provider=video flv=x:/www.messinaweb.tv/wp-content/uploads/2011/06/Blogger-condannato-per-stampa-clandestina-Nicola-D_Angelo.flv img=x:/www.messinaweb.tv/wp-content/uploads/2011/06/Dangelo.jpg embed=true share=true width=480 height=320 dock=true controlbar=over bandwidth=med autostart=false /]

La prima sezione penale della Corte d’Appello di Catania ha condannato il giornalista e blogger siciliano Carlo Ruta per stampa clandestina.
Lo scorso 2 maggio (ma la notizia è trapelata solo recentemente), lo storico e saggista di Ragusa si è visto confermare la sentenza in primo grado pronunciata nel 2008 dal Tribunale di Modica quando l’allora procuratore della Repubblica di Ragusa, Agostino Fera aveva denunciato le attività del blog Accadeinsicilia per aver affrontato delicate vicende di politica e corruzione mafiosa.
Sono passati ormai trent’anni dall’ultima condanna di questo tipo basata sul reato di stampa clandestina, previsto dall’art. 16 della legge n. 47 dell’8 febbraio 1948 (meglio nota come legge sulla stampa).
La federazione FEMI (alla quale anche MessinaWebTv  aderisce) ha raccolto il punto di vista del commissario AgCom, Nicola D’Angelo sull’argomento.