In tema di diritto di critica giudiziaria, il diritto di critica dei provvedimenti giudiziari e dei comportamenti dei magistrati deve essere riconosciuto nel modo più ampio possibile, non solo perché la cronaca e la critica possono essere tanto più larghe e penetranti, quanto più alta è la posizione dell’uomo pubblico oggetto di censura e più incisivi sono i provvedimenti che può adottare, ma anche perché la critica è l’unico reale ed efficace strumento di controllo democratico dell’esercizio di una rilevante attività istituzionale che viene esercitata – è bene ricordarlo – in nome del popolo italiano da persone che, a garanzia della fondamentale libertà della decisione, godono giustamente di ampia autonomia ed indipendenza.
Riferimento:
Penale Sent. Sez. 5 Num. 19960 Anno 2019
Presidente: PALLA STEFANO
Relatore: DE GREGORIO EDUARDO
Data Udienza: 30/01/2019
SENTENZA sopra i ricorsi avverso la sentenza del 16/12/2016 della CORTE APPELLO di PERUGIA